VENERDÌ 05 GIUGNO 2015, 16:15, IN TERRIS

UCRAINA: EPURATO IL CAPO DELLA POLIZIA DI KIEV

L'incontro con la presidente della Repubblica Cilena è durato 47 minuti

CLAUDIA GENNARI
UCRAINA: EPURATO IL CAPO DELLA POLIZIA DI KIEV
UCRAINA: EPURATO IL CAPO DELLA POLIZIA DI KIEV
Il capo della polizia di Kiev, Oleksandr Tereshuk è stato silurato nel quadro di una controversa campagna di epurazione lanciata dalle autorità ucraine del dopo-Maidan. Ad annunciarlo è stato proprio il premier Arseni Iatseniuk, precisando che centinaia di funzionari pubblici sono già stati rimossi in base a una legge votata nel 2014 che colpisce chi sia stato ritenuto compromesso con l’ex presidente filorusso Viktor Ianukovich, ma anche – a scoppio ritardato – chi lavorò negli organi di partito sovietici o nel Kgb.

La notizia arriva proprio all’indomani dell’interruzione del cessate il fuoco nella parte orientale dell'Ucraina: sembra proprio che gli accordi di Minsk siano in briciole, nonostante negli ultimi mesi siano riusciti a contenere – anche se mai a spegnere del tutto – gli scontri tra separatisti filorussi e forze governative ucraine. Da ieri, più nessuna finzione: a Marinka e Krasnohorivka, sobborghi controllati dai governativi di Donetsk, in mano ai ribelli, sono esplose vere e proprie battaglie con carri armati e artiglieria pesante. Con la guerra sono tornati anche gli scambi di accuse, gli avvertimenti degli Stati Uniti e la convinzione del Cremlino di essere di fronte a provocazioni ucraine. E intanto da Bruxelles, l’Unione europea avverte che le sanzioni al Cremlino potrebbero essere prolungate fino a gennaio.

Torna a impennarsi il numero delle vittime. I separatisti parlano di almeno 15 combattenti uccisi, e di centinaia di minatori intrappolati sottoterra a causa dei blackout provocati dai bombardamenti. Gli ucraini denunciano tre militari morti e 31 feriti, ancora tre sarebbero le vittime civili. Il totale, provvisorio, è di 24 vittime. Il premier ucraino è convinto che sia stata Mosca ad aver orchestrato una ripresa delle ostilità, e sulla stessa linea Washington: “La Russia + direttamente responsabile per gli attacchi – ha commentato Marie Harf, portavoce del dipartimento di Stato -. Qualunque tentativo di occupare altro terreno comporterà costi crescenti”. La situazione sembra destinata a riaprire la possibilità di forniture occidentali di armi all’Ucraina.

Mosca, però, respinge le accuse. “Chi sta cercando di far aggravare la situazione militare lungo la linea di contatto – ha reagito il ministro degli Esteri Serghei Lavrov – volontariamente o involontariamente persegue l’obiettivo di impedire progressi nei colloqui su tutti gli aspetti chiave”. Finchè la gente è impegnata a combattere, ha detto Lavrov, “ecco pronta la scusa per non affrontare le riforme politiche”. Anche i separatisti ribaltano la responsabilità per la ripresa degli scontri sugli avversari. Eduard Basurin, portavoce dell’autoproclamata repubblica di Donetsk, parla di “offensiva provocatoria” dell’esercito ucraino.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018