GIOVEDÌ 09 APRILE 2015, 19:15, IN TERRIS

UCRAINA: AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI

L'organizzazione sarebbe in possesso di video che dimostrano uccisioni sommarie di prigionieri ucraini

CLAUDIA GENNARI
UCRAINA: AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI
UCRAINA: AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI
Le sconvolgenti nuove prove di uccisioni sommarie, di 4 soldati ucraini per la precisione, da parte di gruppi armati filorussi nel Donbass mostrano, secondo Amnesty International, l’urgente necessità di fermare l’escalation di violazioni dei diritti umani e la crescente crisi umanitaria nella regione orientale dell’Ucraina. L’associazione denuncia veri e propri “crimini di guerra”, anche per le recenti dichiarazioni un comandante ribelle ha detto al Kyiv Post di aver ucciso personalmente 15 prigionieri.

Alcuni testimoni oculari hanno raccontato all'organizzazione per la difesa dei diritti umani che un comandante ribelle ha ucciso un militare prigioniero sparandogli a bruciapelo. La vittima, Igor Branovitski, aveva combattuto per la difesa dell'aeroporto di Donetsk. Un video in possesso di Amnesty International mostra il soldato preso prigioniero e interrogato. Il cadavere è stato poi consegnato ai familiari e seppellito sei giorni fa. Amnesty sostiene di aver inoltre analizzato filmati che mostrano tre soldati ucraini vivi dopo essere stati catturati dai separatisti, e quindi delle immagini degli stessi morti, in un obitorio di Donetsk, con ferite da arma da fuoco alla testa e al petto. Questi tre militari erano stati fatti prigionieri nella zona di Debaltseve tra il 12 e il 18 febbraio.

"La tortura, i maltrattamenti e l‘uccisione di soldati catturati, arresi o feriti, costituiscono crimini di guerra - ha commentato Denis Krivosheev, vicedirettore del programma Europa e Asia centrale di Amnesty international -. Occorre aprire un‘indagine rapida, approfondita e imparziale e i responsabili devono essere sottoposti a processi equi celebrati da organi giudiziari riconosciuti", ha aggiunto. Amnesty ha esaminato numerosi video e fotografie che documentano la prigionia e poi i corpi privi di vita di membri delle forze armate. Ha poi concluso Krivosheev che i leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donestsk nell’Ucraina orientale devono consegnare ai loro uomini tre messaggi chiari: chi combatte con loro deve rispettare le leggi di guerra, chiunque sia sospettato di aver ordinato o commesso gravi violazioni del diritto internazionale umanitario deve essere rimosso da i ranghi e infine che è necessario cooperare con ogni eventuale indagine indipendente.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...