GIOVEDÌ 23 APRILE 2015, 13:00, IN TERRIS

UCCISO AL QATRANI: IL REPORTER CHE RACCONTAVA LA GUERRA CIVILE IN LIBIA

Il giornalista di Bengasi secondo quanto riferito dai media locali potrebbe essere stato vittima di un attacco delle milizie di Ansar al Sharia

HORTENSIA HONORATI
UCCISO AL QATRANI: IL REPORTER CHE RACCONTAVA LA GUERRA CIVILE IN LIBIA
UCCISO AL QATRANI: IL REPORTER CHE RACCONTAVA LA GUERRA CIVILE IN LIBIA
Miftah al Qatrani è il nome del giornalista assassinato questa notte a Bengasi, in Libia. Secondo quanto riferito dai media locali, il cronista era diventato da poco anche editore e più volte aveva subito minacce di morte. Qatrani inoltre era alla guida della società di produzione Al Anouar e forniva video e immagini degli scontri tra esercito e milizie islamiste ai canali televisivi del Paese. Si tratta del primo attacco contro la stampa da quando Khalifa Haftar, generale delle forze armate del governo riconosciuto di Tobruk, ha lanciato una campagna per riprendere il controllo della città portuale di Bengasi. Attualmente, anche se l'azione non è ancora stata rivendicata, si ritiene che dietro questo omicidio possano celarsi le milizie di Ansar al Sharia.

La Libia può dirsi ben lontana dal traguardo che sognavano i ribelli democratici dopo la cacciata di Gheddafi e non si può parlare ancora di libertà di stampa. Sebbene il settore dell'informazione abbia subito un vero cambiamento dal punto di vista di qualità e quantità, non è ancora diffuso un atteggiamento di apertura nell'ambito della comunicazione. Lo scorso maggio Nassib Karnafa, giovane giornalista libica venne rapita nella regione di Sabah e ritrovata dopo alcune settimane con la gola tagliata. Stessa sorte per il reporter Meftah Bouzid, ucciso a Bengasi e noto per le sue posizioni duramente critiche nei confronti dell'estremismo radicale. Da un rapporto dalla Ong statunitense Human Rights Watch, è emerso che da metà 2012 a novembre 2014 si sono verificati almeno 91 casi di minacce e di aggressioni contro giornalisti, 14 dei quali contro donne. Nello stesso periodo ben 30 giornalisti sono stati rapiti e addirittura 8 sono stati uccisi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018