GIOVEDÌ 11 GIUGNO 2015, 004:45, IN TERRIS

TURCHIA, POST ELEZIONI: I NAZIONALISTI APRONO ALLA COALIZIONE CON ERDOGAN

Dopo l'incontro con l'ex segretario del partito repubblicano Chp, Deniz Bayka, il presidente si è detto aperto a qualsiasi soluzione

HORTENSIA HONORATI
TURCHIA, POST ELEZIONI: I NAZIONALISTI APRONO ALLA COALIZIONE CON ERDOGAN
TURCHIA, POST ELEZIONI: I NAZIONALISTI APRONO ALLA COALIZIONE CON ERDOGAN
Dopo che il terremoto curdo ha fatto crollare il sogno di un "impero", il leader d Ankara inizia a valutare le prime possibili formazioni del governo. E' a seguito dell'incontro a sorpresa con Deniz Bayka, ex segretario del partito repubblicano Chp, che Erdogan si è detto è detto aperto a qualsiasi soluzione per formare un governo stabile, compresa una coalizione senza il suo partito islamista per la Giustizia e lo Sviluppo (Akp).

Di fronte alla perdita della maggioranza assoluta e all'ingresso in forze dei filo-curdi dell'Hdp, per evitare un ritorno alle urne, l'unica chance è riuscire a definire il volto al nuovo esecutivo. Sarebbe stato proprio Erdogan, secondo quanto riferisce il quotidiano Hurriyet, a mandare un messaggio a Baykal annunciando di volerlo incontrare per parlare della possibilità di "lavori parlamentari". Il 76enne ex leader del partito d'opposizione, dopo essersi confrontato con Kilicdaroglu, ha accettato l'invito, affermando che “tornare al voto sarebbe solo una perdita di tempo”.

Il primo step da affrontare per il Parlamento è quello di eleggere un presidente in via temporanea, in attesa che un incarico di governo venga conferito. In questo senso Baykal appare come uno dei papabili, nonostante lo scandalo a sfondo sessuale che lo ha coinvolto nel 2010, causandone le dimissioni e la seguente elezione di Kilicdaroglu. Baykal ha anche incassato un'apertura da parte del leader dei nazionalisti dell'Mhp, Devlet Bahceli.

Selattin Demirtas, segretario del partito filo curdo Hdp, ha ricordato il peso politico della loro vittoria e di una possibile coalizione con loro: "Si comportino in modo onesto e degno, sappiano che noi siamo in Parlamento perché lo ha deciso il popolo, verso questo siamo debitori e non abbiamo nessuna intenzione di deluderlo."

Demirtas ha infine commentato l'attentato di Diyarbakir in cui hanno perso la vita 4 persone. Tra queste 3 vicine all'Hdp. “Faremo di tutto per scoprire chi sta giocando ad alimentare la tensione". Demirtas ha sempre invitato i suoi alla calma e a non cedere a questo tipo di “sporche provocazioni”, assicurando che “farà di tutto affinché non scoppi una guerra civile”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau