SABATO 06 GIUGNO 2015, 14:18, IN TERRIS

TURCHIA, ESPLOSIONE AL COMIZIO FILO-CURDO: 4 MORTI

Alla vigilia del voto un attentato sorprende la folla che attende Demirtas, il leader dell'Hdp

AUTORE OSPITE
TURCHIA, ESPLOSIONE AL COMIZIO FILO-CURDO: 4 MORTI
TURCHIA, ESPLOSIONE AL COMIZIO FILO-CURDO: 4 MORTI
A Diyarbakir, ieri sera due ordigni hanno provocato morti e feriti tra i sostenitori dell'Hdp, il Partito dei popoli, espressione della sinistra curda che potrebbe insidiare il progetto di riforma del presidente Erdogan. Un attentato a poche ore dalle elezioni previste per il 7 giugno che l' escalation di violenze e intimidazioni: "Oltre cento attacchi in meno di due mesi".

Le due esplosioni che si sono verificate vicino ad una centralina elettrica, in mezzo alla folla, hanno fatto secondo Zaman online, quattro morti e quasi 200 feriti. Non ci sono state per ora rivendicazioni. Scene di panico nella folla che attendeva l'intervento al comizio del leader del partito curdo Hdp, Selahattin Demirtas e che è stata sorpresa dal boato dell'ordigno.

Se inizialmente gli organizzatori dell'evento avevano annunciato al megafono che la deflagrazione era dovuta a un guasto della centralina elettrica, il ministro dell'Energia non ha esitato ad affermare tutt'altro: "C'è stato un intervento esterno. La nostra ispezione ha mostrato chiaramente che la fonte dell'esplosione non è stata la centralina. Le porte sono state danneggiate" ha concluso Taner Yildiz lasciando intendere che si tratta di un vero e proprio attentato.

Ad essere nel mirino è proprio Demirtas, definito come "l'Obama turco", e che con il suo partito potrebbe provocare un grande cambiamento nel Paese. Infatti, se supererà la sbarra del 10% sotto la quale non si entra in parlamento, impedirebbe all'Akp di Erdogan di ottenere la maggioranza di 330 deputati su 550 necessari per imporre un sistema super-presidenziale.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018