LUNEDÌ 17 APRILE 2017, 10:04, IN TERRIS

Turchia, Erdogan vince ma il referendum spacca il Paese. L'Osce: "Standard non rispettati"

Successo di misura (51,3%) ma la nazione si divide e si allungano le ombre del superpresidenzialismo. Il leader: "Decisione storica"

REDAZIONE
Turchia, Erdogan vince ma il referendum spacca il Paese. L'Osce:
Turchia, Erdogan vince ma il referendum spacca il Paese. L'Osce: "Standard non rispettati"
Ha vinto davvero di un soffio Recep Tayyip Erdogan. Il referendum costituzionale sul presidenzialismo, da lui voluto e sostenuto a colpi di comizi tenuti fino a poche ore prima dell'apertura dei seggi, ha spaccato in due la Turchia (nonostante i primi risultati annunciassero una larga vittoria del "Sì"), ottenendo una preferenza risicata del 51,3%, a fronte di un 47,8% che, invece, ha dato parere negativo alla realizzazione di quello che, di fatto, è a tutti gli effetti un superpresidenzialismo praticamente a vita: "La Turchia ha preso una decisione storica di cambiamento e trasformazione - ha detto Erdogan nel suo primo discorso alla popolazione dopo la vittoria -. Una scelta che tutti devono rispettare, compresi i Paesi che sono nostri alleati". E, mentre l'opposizione denuncia a gran voce brogli elettorali che sarebbero avvenuti in diversi seggi, con il conteggio di un discreto numero di schede ritenute dubbie (circa il 37% secondo il principale partito avversario, il Chp), gli scenari che si delineano al di là degli stretti del Bosforo e dei Dardanelli assumono fattezze fortemente autocratiche: " È la vittoria di tutta la nazione, compresi i nostri concittadini che vivono all'estero. Questi risultati avvieranno un nuovo processo per il nostro Paese". Nelle ore successive alla vittoria, la Commissione elettorale turca ha sciolto le riserve sulle schede contestate, affermandone la validità. L'Osce (Organizzazione per la sicurezza in Europa), tuttavia, continua a definire irregolare lo svolgimento del referendum, poiché "condotto in condizioni di disparità" e con modifiche procedurali dell'ultimo momento che hanno "rimosso importanti salvaguardie

Erdogan a vita


Ma in cosa consisterà l'annunciato cambiamento? Prima questione: l'annessione della Turchia all'Unione Europea. Erdogan ha già annunciato che, il prossimo referendum che verrà indetto, sarà incentrato sulla permanenza del Paese come candidato all'ingresso nell'Ue. Successivamente, ne verrà fatto un altro, riguardante la reintroduzione della pena di morte, come spiegato dallo stesso presidente durante il suo discorso alla folla, una scelta comunque tutt'altro che di avvicinamento all'Occidente. Il "rinnovamento", tuttavia, sarà senza dubbio più consistente sul piano politico, con un rafforzamento a oltranza del potere governativo e un conseguente ridimensionamento del ruolo di controllo esercitato dal parlamento sull'esecutivo. In sostanza, gran parte del potere sarà concentrato nelle mani di Erdogan che, teoricamente, potrebbe restare alla guida del Paese addirittura per altri 17 anni. L'entrata in vigore della nuova costituzione, infatti, prevista per il 2019, implica la ripartenza del presidenzialismo, con possibilità di rielezione (direttamente dal popolo) per i successivi dieci anni (due termini consecutivi da 5) con un'opzione per altri 5. Il potenziale orizzonte è dunque il 2034, una condizione che potrebbe porre Erdogan come uno dei capi di Stato più longevi della storia, sicuramente della Turchia (il padre della Nazione, Mustafa Kemal Ataturk, rimase in carica alla presidenza per 15 anni dal 1923 al 1938).

Potere nell'esecutivo


Altro punto focale della riforma, di 18 articoli in tutto, è l'abolizione della figura del premier, con la nomina di due vicepresidenti e dei vari ministri direttamente dal presidente, senza dichiarazione di responsabilità al parlamento che, a questo punto, vedrebbe il suo ruolo cospicuamente ridotto, mantenendo comunque la possibilità di sfiduciare il presidente purché si sciolga in vista delle elezioni anticipate (assieme a quelle governative, si svolgeranno anche quelle parlamentari). In sostanza, Erdogan, in carica dal 2014, potrebbe potenzialmente mantenere un ruolo di controllo pressoché totale del Paese quasi per i prossimi venti anni, concentrando nelle sue mani i poteri di capo dello Stato e capo del Governo. Resta da chiarire se, effettivamente, il conteggio del primo mandato verrà azzerato e, di conseguenza, se sia concreta o meno la possibilità di una nuova candidatura anche nel 2024 (e, addirittura, quella per gli ulteriori 5 anni in caso il parlamento si sciogliesse).
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

I risultati di un lungo negoziato

Il ruolo del sindacato è quello di trattare in assoluta autonomia con tutti i Governi per cercare di portare a...
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...