MERCOLEDÌ 12 LUGLIO 2017, 12:25, IN TERRIS

Turchia, Erdogan punge l'Europa: "L'ingresso nell'Ue non è indispensabile per noi"

Il presidente turco, intervistato dalla "Bbc", ha spiegato che l'Unione fa perdere tempo al Paese. E sui giornalisti arrestati: "In carcere ce ne sono solo due"

DANIELE VICE
Turchia, Erdogan punge l'Europa:
Turchia, Erdogan punge l'Europa: "L'ingresso nell'Ue non è indispensabile per noi"
Europa o no, la Turchia resterà in piedi. Anzi, stando a quanto dichiarato dal presidente Recep Tayyip Erdogan, l'adesione di Ankara all'Unione "non è indispensabile per noi" e, qualora da Bruxelles venisse bloccato l'iter per l'ingresso, la Turchia "ne sarà confortata". Parole dure quelle del leader turco, arrivate in un'intervista rilasciata alla "Bbc", durante la quale si è detto certo che il suo Paese non aspetterà in eterno il via libera dell'Unione (che "sta facendo perdere tempo" allo Stato extraeuropeo), ribadendo peraltro che "molti turchi non desiderano entrare nell'Ue". Un'intervista ad ampio raggio quella del superpresidente, allargata sui fronti della repressione dell'opposizione e piuttosto insistita sul punto dell'autonomia turca, che venga o meno ammessa nella cerchia degli Stati membri.

Erdogan: "Solo due giornalisti in carcere"


Erdogan, ad esempio, ha negato che nelle carceri turche vi siano reclusi 150 giornalisti: "Nessuno è imprigionato a causa del giornalismo qui - ha detto il presidente -. Solo due, tra quelli che sono in carcere in questo momento, lo sono davvero. Gli altri non hanno alcun titolo per definirsi giornalisti. Alcuni hanno collaborato con organizzazioni terroristiche, altri erano in possesso di armi, altri erano dei ladri". E altri ancora, ha detto Erdogan, hanno partecipato al tentato colpo di stato di un anno fa, facendosi poi accreditare come stampa: "Hanno un badge da giornalista, ma non è il tesserino ufficiale. Tuttavia con quel badge affermano di essere giornalisti. Il numero non è 150, sono bugie". In riferimento alla politica di repressione dell'opposizione però, secondo i numeri forniti finora dall'emittente britannica, l'epurazione turca, a un anno dal golpe, avrebbe portato all'arresto di 50 mila persone e alla sospensione dal lavoro di altre 140 mila. E, allo stesso tempo, 160 organi di stampa sono stati chiusi (con 2500 giornalisti licenziati).

"Resteremo sinceri"


Tornando alla questione Ue, il presidente ha definito come "un sollievo" le reticenze di Bruxelles sull'ingresso della Turchia, sottolineando i mancati inviti ai recenti incontri fra i leader dei Paesi, l'ultimo dei quali il G20 di Amburgo: "Una volta, nel mio primo mandato come primo ministro, la Turchia veniva descritta come un paese che ha compiuto una rivoluzione silenziosa durante i summit dei leader dell'Unione Europea, ma adesso la stessa Ue non solo non ci invita più ai summit, ci fa anche perdere tempo". Il messaggio di Erdogan, dunque, sembrerebbe piuttosto chiaro: le relazioni con l'occidente europeo non sono poi così fondamentali e, men che meno, l'istituzionalizzazione dell'appartenenza turca al novero degli Stati membri, dal momento che "la Turchia è in grado di reggersi sulle proprie gambe". A ogni modo, il presidente non chiude del tutto all'Europa, affermando che la Turchia "resterà sincera nei confronti dell'Ue".

 

Foto: Bbc
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Il sottomarino Ara San Juan
SOTTOMARINO DISPERSO

"I segnali non sono del 'San Juan'"

La Marina militare argentina smentisce che i suoni captati dai sonar appartengano al sommergibile, sparito dai radar da 5 giorni