GIOVEDÌ 12 MAGGIO 2016, 002:00, IN TERRIS

TUNISIA: CITTADINI FAVOREVOLI ALLA SEPARAZIONE TRA POLITICA E ISLAM

Lo sostiene un sondaggio di Sigma Conseil. Ma l'identità religiosa resta comunque un fattore importante

REDAZIONE
TUNISIA: CITTADINI FAVOREVOLI ALLA SEPARAZIONE TRA POLITICA E ISLAM
TUNISIA: CITTADINI FAVOREVOLI ALLA SEPARAZIONE TRA POLITICA E ISLAM
La maggior parte dei tunisini, il 72,8%, è favorevole ad una separazione tra religione e politica. E' quanto emerge da un sondaggio telefonico condotto da Sigma Conseil, in collaborazione con la Fondazione Konrad Adenauer-Stiftung, che è stato presentato a Tunisi. L'indagine intitolata "Religione e politica nel Nord Africa" e basata su un campione di 1000 persone in Tunisia, Libia, Algeria, Marocco ed Egitto fornisce anche altre indicazioni utili per meglio comprendere il tipo di società e le diverse sensibilità degli abitanti dei paesi interessati.

Gli intervistati si sentono innanzitutto "musulmani" e poi cittadini dei vari stati, eccetto che in Tunisia, dove il 53,2% dichiara di sentirsi tunisino, il 37,6% musulmano e il 6,8% arabo. Ma l'identità religiosa resta comunque un fattore importante anche in Tunisia, al punto da risultare al primo posto per il 48,1% degli intervistati rispetto al 41,2% che si sono espressi per l'identità nazionale. E le persone interpellate nei cinque paesi nordafricani sono quasi unanimi nel considerare l'Islam come importante o molto importante nella loro vita, con percentuali che sfiorano il 100%.

Dallo studio emerge anche che il rispetto degli obblighi religiosi varia a seconda delle società e le divergenze aumentano quando si domanda dell'applicazione della sharia come unica fonte di ispirazione della legge per la quale i tunisini sono contrari al 69,5%, i libici favorevoli al 78,7%, gli algerini al 62,9%, gli egiziani al 59,7%, i marocchini al 54,9%.

I tunisini inoltre disapprovano al 75,6% l'intervento degli imam nella politica e considerano l'Islam negativo al 57,6% riguardo al suo impatto diretto sulla politica. Gli attentati terroristici sono interpretati come un offesa all'Islam per l'83,1% degli intervistati. Alla domanda su "cosa significhi l'espressione estremismo religioso", il 32,7% dei tunisini ha risposto con "una cattiva interpretazione della religione", il 31% con un'offesa alla religione e il 26,1% con l'appartenenza ad una organizzazione terroristica.

Per quanto riguarda le origini dell'estremismo religioso il 22,2% ha risposto "una cattiva interpretazione dell'Islam", il 21,2% la disoccupazione e la povertà, il 14,3% l'incoscienza. Quanto al primo responsabile dell'incitazione all'estremismo religioso il 30,4% dei tunisini ha indicato l'Occidente, il 16,3% i partiti islamisti e l'11,1% il wahabismo.

Anche se i tunisini forniscono un grande numero di foreign fighter all'Isis, l'organizzazione terroristica risulta essere fortemente disapprovata dagli interpellati. La Tunisia è il paese dove gli intervistati considerano che Daesh abbia il maggior impatto negativo sull'economia e si dimostrano più preoccupati per le conseguenze sulla sicurezza del Paese.

Commentando i risultati del sondaggio, la Fondazione Konrad-Adenauer-Stiftung conclude che la Tunisia si distingue rispetto agli altri paesi della regione per una sorta di maggior equilibrio tra appartenenza religiosa e cittadina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Papa Francesco celebra la Santa Messa a Trujillo Photo © Twitter
PAPA IN PERÙ

"In mezzo al dolore Dio ci offre la sua mano"

Testo completo dell'omelia pronunciata sulla spianata costiera di Huanchaco, a Trujillo
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone
Un frame del film
CINEMA

"Augustine", la vita di Sant'Agostino diventa un film

Grande produzione internazionale tra Algeria e Tunisia diretta da Samir Seif
La bandiera olimpica
OLIMPIADI INVERNALI

Cio: "Le due Coree sfileranno sotto un'unica bandiera"

Ratificato a Losanna l'accordo stipulato tra Seul e Pyongyang per i Giochi di Pyeongchang
Il sindaco di Cerignola, Franco Metta
CERIGNOLA

Il Sindaco ai malavitosi: "Siete quattro vigliacchi"

Su Facebook la video-denuncia: "Non vi lasceremo questa città, combatteremo fino alla fine"
Il Senato americano, Washington
USA

Senato respinge il bilancio di governo, è shutdown

La replica della Casa Bianca: "La responsabilità è dei Democratici"
Olimpiadi 2018 in Corea del Sud
OLIMPIADI 2018

La Corea del Nord cancella i sopralluoghi al Sud

Kim Jong-un annuncia una parata militare l'8 febbraio
Il cantante Bob Dylan
TOUR ITALIANO

Dylan annuncia tre nuove date dopo il tutto esaurito

Genova, Jesolo e Verona le tappe. Biglietti già in vendita
La linea 80 di Milano
MILANO

Aggredito sul bus da adolescenti, reagisce e ne accoltella uno

Il ferito, un 17enne, non è in pericolo di vita
Un particolare dell'arazzo di Bayeux
ELISEO

Dopo 950 anni l'arazzo di Bayeux potrebbe lasciare la Francia

Ritrae la Battaglia di Hastings e racconta la conquista normanna dell'Inghilterra