MERCOLEDÌ 17 GIUGNO 2015, 001:01, IN TERRIS

TSIPRAS INCONTENIBILE: "IL FMI HA RESPONSABILITA' CRIMINALI"

Sembra sempre più difficile che si riesca a trovare un accordo sul debito greco nell'Eurogruppo di giovedì a Lussemburgo

AUTORE OSPITE
TSIPRAS INCONTENIBILE:
TSIPRAS INCONTENIBILE: "IL FMI HA RESPONSABILITA' CRIMINALI"
Anche se le trattative tra Grecia e Europa proseguono, le dichiarazioni dei leader non lasciano presagire nulla di buono. Sia Alexis Tsipras che Angela Merkel hanno infatti manifestato tutta la loro frustrazione per la mancanza di progressi nei negoziati, a soli due giorni dall’Eurogruppo di Lussemburgo, che acquisisce sempre più il sapore dell’ultima spiaggia.

Il premier greco, davanti ai parlamentari del suo partito, ha alzato ancora i toni della retorica in un’escalation verbale che mostra come i rapporti tra le parti siano sempre più avvelenati. Le istituzioni creditrici di Atene (Ue, Bce, Fmi) “vogliono umiliare il governo greco”, ha dichiarato il premier ai deputati di Syriza. “L’ossessione dei creditori per un programma di tagli non può essere un errore, ha fini politici”, ha poi aggiunto: “I creditori stanno utilizzando i negoziati per dimostrare la loro forza, noi stiamo trattando in buona fede”. Sulla stessa lunghezza d’onda il ministro delle Finanze Varoufakis, che non vede “margini per altre concessioni” nei confronti dei creditori.

Tsipras ha poi criticato la Bce per “insistere sulla linea di strangolamento finanziario”, nonostante sia Francoforte che da mesi tiene in piedi l’intero sistema bancario greco, e il Fmi di “responsabilità criminale”, accusa che di certo non rasserena il clima. “Fissarsi sui tagli, molto probabilmente fa parte di un piano per umiliare un intero popolo che nei cinque anni passati ha sofferto colpe non sue – ha detto il leader che è ormai una bandiera della sinistra europea – è giunto il momento che le proposte del Fmi vengano giudicate dall’opinione pubblica, dall’Europa”.

Nonostante le “dichiarazioni aggressive”, ha però puntualizzato Tsipras, “ci sono forze in Europa che lavorano per un accordo equo”, che suona proprio come se il premier volesse aprire una breccia in Europa, che non sembra più tanto coesa come qualche settimana fa. Da una parte infatti c’è la Merkel, che per salvare l’integrità dell’Eurozona potrebbe anche accettare di fare qualche concessione. Dall’altra parte ci sono i falchi della Finanza, con a capo Schaeuble, contrari a qualsiasi sconto o concessione del debito greco.

Secondo indiscrezioni riportate dal Financial Times, i leader dell’area euro stanno anche valutando la possibilità di una summit straordinario da convocarsi domenica, nel caso in cui giovedì non si riesca ad arrivare a un’intesa tra i ministri delle Finanze.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni