SABATO 27 GIUGNO 2015, 10:36, IN TERRIS

TSIPRAS ANNUNCIA: REFERENDUM SUL PIANO DEI CREDITORI

Ma la sfiducia aumenta, infatti dalle prime ore del mattino è in corso un nuovo assalto ai bancomat

CLAUDIA GENNARI
TSIPRAS ANNUNCIA: REFERENDUM SUL PIANO DEI CREDITORI
TSIPRAS ANNUNCIA: REFERENDUM SUL PIANO DEI CREDITORI
Nuove svolte, anche piuttosto inaspettate arrivano da Atene: il premier greco Alexis Tsipras ha annunciato che il 5 luglio ci sarà un referendum sul piano dei creditori, che sarà definito oggi all’Eurogruppo, accelerando così – in piena notte – una nuova corsa ai bancomat, confermando la delusione degli elettori nella fiducia che avevano riposto nelle promesse salvifiche di Syriza che hanno portato Tsipras a vincere le elezioni. A riferirlo è il sito web britannico Daily Telegraph, che racconta come nelle primo ore della mattina, i bancomat siano stati presi d’assalto. In almeno un caso invece, ovvero la banca Alpha, ha sospeso le contrattazioni online secondo quanto riferisce lo stesso sito web dell’istituto, per impedire di spostare soldi su altri conti. Sembra non sia valso l’annuncio del governo, che ha fatto sapere che lunedì “le banche resteranno aperte e non saranno imposti controlli sui capitali.

Intanto, il capo negoziatore greco, Euclides Tsakalotos, ha annunciato che Tsipras ha parlato con il presidente della Bce Mario Draghi che, sostiene sempre Tsakalotos, ha dimostrato comprensione per la scelta del referendum indetto il 5 luglio sul piano dei creditori. Nessuna dichiarazione, finora, da Francoforte. “Siamo sicuri, cosa che si è dimostrata durante la telefonata, che Draghi ha le migliori intenzioni sulla scelta del governo greco di indire un referendum”, ha dichiarato il portavoce del governo Gabriel Sakellaridis.

Attualmente però, il sistema delle banche greche si regge sul meccanismo Ela di fondi garantito dalla Bce, che, in teoria, non potrebbe proseguire oltre la data del 30 giugno.  Sul fronte interno Pasok e Nea Dimokratia contro Tsipras: dopo l’annuncio del referendum i socialisti insieme al centro destra, che si sono alternati per 40 anni al potere e sono corresponsabili della disastrosa situazione in cui si trova il Paese, ritengono che il premier Alexis Tsipras si debba dimettere e convocare elezioni anticipate. “Alla luce del fatto che Tsipras non è in grado di assumersi decisioni responsabili, dovrebbe dimettersi e permettere ai cittadini di votare per il loro futuro tramite elezioni”, ha detto il leader del Pasok Fofi Genimmata. Sul fronte “opposto” l’ex premier e leader di Nea Dimokatria ha detto che il referendum è sul restare o no nell’Ue: “Tsipras ha portato il Paese ad uno stallo totale tra un accordo inaccettabile e l’uscita dall’Euro, ma la vera domanda è un sì o un no all’Europa”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Serie A, 17ma giornata
CALCIO | SERIE A

L'Inter cade con l'Udinese, Napoli solo in vetta

Gli azzurri vincono 3-1 in trasferta. I nerazzurri cadono a San Siro, primo ko di Spalletti
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia