DOMENICA 23 OTTOBRE 2016, 000:49, IN TERRIS

Truppe turche contro il Califfato, Abadi dice no

Il ministro: "La battaglia per Mosul è irachena e coloro che la conducono sono iracheni"

MILENA CASTIGLI
Truppe turche contro il Califfato, Abadi dice no
Truppe turche contro il Califfato, Abadi dice no
"Nulla di fatto" nel summit di Baghdad. Il primo ministro iracheno Haider al-Abadi ha infatti rifiutato l'offerta delle forze armate turche all'offensiva per la ripresa di Mosul, la biblica Ninive, roccaforte irachena in mano all'Isis. Il premier ha ribadito il suo "No" durante l'incontro con il segretario di stato alla Difesa americana, Ashton Carter, in visita ieri pomeriggio a Baghdad per valutare lo stato di avanzamento dell'operazione anti-Isis nel Pese mediorientale.

"La battaglia per Mosul è una battaglia irachena e coloro che la conducono sono iracheni", ha dichiarato al-Abadi al fianco di Carter, che aveva portato al tavolo di discussione la proposta turca dopo la sua precedente visita ad Ankara. "So che i turchi vogliono partecipare, li ringraziamo, ma questa cosa la vogliono gestire gli iracheni", ha aggiunto Abadi. "Non abbiamo problemi" in questa offensiva e se ci sarà bisogno di un sostegno "lo chiederemo alla Turchia o altri Paesi della regione".

Due giorni fa Carter aveva dichiarato di avere buone speranze che la proposta di far partecipare i soldati turchi alla battaglia di Mosul venisse accolta dall'Iraq. Un alto responsabile americano aveva anche avanzato la possibilità di una partecipazione "non militare" della Turchia alle operazioni. L'intento statunitense era quello di regolarizzare i contingenti militari turchi attualmente presenti su suolo iracheno. Il "No" di Baghdad ha di fatto posto la questione su un "binario morto".

Nel frattempo, le forze irachene hanno riconquistato il villaggio cristiano di Qaraqosh, abbandonato dai militanti dell'Isis in ritirata verso Mosul, venti chilometri più a nord. Dall’inizio delle operazioni, scattate il 17 ottobre scorso, sono stati strappati ai jihadisti circa cinquanta villaggi. Mosul, però, è ancora in mano ai miliziani che, nella loro ritirata dalle città vicine, stanno compiendo una carneficina usando i civili come scudi umani.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Robert Mueller
RUSSIAGATE

Accuse a Mueller: "Mail acquisite in modo illegale"

Lo sostiene Kory Langhofer, legale di "Trump of America". La replica: "Avevamo il consenso"
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Il luogo dell'esplosione
MOLOTOV CONTRO LA POLIZIA

S'indaga anche negli ambienti ultras

Il commissariato Prati gestisce il servizio d'ordine durante le partite all'Olimpico