VENERDÌ 19 MAGGIO 2017, 11:10, IN TERRIS

Trump in Israele: a pochi giorni dalla visita si raffredda l'entusiasmo per il presidente Usa

Media scettici sulle reali intenzioni della Casa Bianca per il Medio Oriente. Pesano il caso ambasciata e la querelle sul Muro del Pianto

EDITH DRISCOLL
Trump in Israele: a pochi giorni dalla visita si raffredda l'entusiasmo per il presidente Usa
Trump in Israele: a pochi giorni dalla visita si raffredda l'entusiasmo per il presidente Usa
Si raffreddano gli animi con cui gli israeliani avevano accolto l'elezione di Donald Trump a pochi giorni dalla visita istituzionale del presidente Usa nello Stato ebraico.

Non sono pochi i commenti sui media a manifestare dubbi e interrogativi. In testa il liberal Haaretz, che giovedì 18 maggio titolava in prima pagina: "Il love affair della destra israeliana con Trump è passato dall'estasi all'agonia". Ad aver pesato negativamente sul piatto della bilancia, la questione ancora aperta del trasloco dell'ambasciata Usa a Gerusalemme e la querelle se il Muro del Pianto sia in Israele oppure in Cisgiordania. Non ultimo il presunto leak del presidente Usa al ministro degli Esteri russo Lavrov di informazioni ultra sensibili sull'Isis passategli dai servizi israeliani.

Per quanto riguarda l'ambasciata - il cui spostamento è stato più volte promesso da Trump in campagna elettorale - allo stato attuale, nonostante la ridda di ipotesi, la questione appare congelata. E comunque, come rivelato da una fonte della Casa Bianca, lo spostamento non sarà annunciato durante il viaggio, come molti da queste parti auspicavano. Ma ha creato malumore anche il rifiuto, attribuito al consolato Usa di Gerusalemme, di discutere con gli israeliani della visita di Trump al Muro del Pianto (andrà anche al Santo Sepolcro) con la motivazione che si tratta non solo di una parte privata del viaggio ma anche che il luogo si trova in Cisgiordania e non in Israele.

Su Yediot Ahronot una fonte israeliana ha raccontato che i preparativi della visita "sono nel caos" per i continui cambi imposti: "Non abbiamo veramente nessuno con cui parlare da parte americana", si è lamentata la fonte. Altro punto di frizione riguarda la visita a Yad Vashem, il Mausoleo della Memoria a Gerusalemme - sosta obbligata per ogni capo di Stato in visita in Israele - a cui Trump avrebbe deciso di dedicare non più di 15 minuti. Appare poi sfumato l'incontro a tre tra Trump, il presidente palestinese Abu Mazen e Netanyahu.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"