MARTEDÌ 23 MAGGIO 2017, 15:30, IN TERRIS

Trump e Abu Mazen condannano l'attacco di Manchester: "Sono malvagi perdenti"

Il presidente Usa: "Sradicare gli assassini dalla nostra società". Pace in Medio Oriente: "Sono qui per un accordo fra israeliani e palestinesi"

AUTORE OSPITE
Trump e Abu Mazen condannano l'attacco di Manchester:
Trump e Abu Mazen condannano l'attacco di Manchester: "Sono malvagi perdenti"
Il primo pensiero di Donald Trump e Abu Mazen dopo il vertice tra i due leader a Betlemme è stato per le vittime dell'attentato di Manchester. "Quei giovani sono stati assassinati da malvagi perdenti - ha detto il presidente Usa - gli assassini devono essere sradicati per sempre dalla nostra società. Siamo con il popolo di Gran Bretagna. Gli autori dell'attacco di Manchester non sono mostri ma solo perdenti. Questo è come dovrebbero essere chiamati". Anche il presidente palestinese ha condannato con forza l'attacco e inviato le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e al premier britannico Theresa May.

Dopo il cordoglio la conferenza stampa congiunta si è concentrata sulla pace in Medio Oriente, considerata un passaggio chiave anche nell'ottica della lotta al terrorismo di matrice jihadista. "Sono impegnato a cercare e raggiungere un accordo di pace tra israeliani e palestinesi" ha sottolineato Trump, ricordando che "un accordo tra israeliani e palestinesi porterebbe ad un processo di pace nell'intero Medio Oriente. "La pace - ha aggiunto - è una scelta che dobbiamo fare ogni giorno e l'America è qui per rendere questo sogno possibile per i giovani ebrei, musulmani e cristiani. In questo spirito di speranza siamo venuti a Betlemme chiedendo un mondo più pacifico, più sicuro e più tollerante per tutti noi".

Ma la pace, ha avvertito, "non potrà mai metter radici in un ambiente dove la violenza è tollerata, finanziata e premiata". La nostra società, ha aggiunto, "non può avere tolleranza per il bagno di di sangue e la strage di gente innocente".

Abbas da parte sua ha sottolineato che quello fra israeliani e palestinesi non è "un conflitto tra religioni". "Noi siamo aperti al dialogo con i vicini israeliani per una pace genuina. Il nostro problema sono l'occupazione, le colonie, ed il rifiuto di Israele di riconoscere lo Stato di Palestina cosi' come noi abbiamo invece riconosciuto il loro. Il problema non è fra noi e l'ebraismo, è fra noi e l'occupazione.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Presepe

La solita ipocrisia

Il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, invita le scuole dell’Isola ad allestire il Presepe in...
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco