MERCOLEDÌ 21 NOVEMBRE 2018, 02:52, IN TERRIS


CASO KHASHOGGI

Trump, nessuna misura contro bin Salman

Il presidente ha fatto sapere che non si muoverà contro il principato saudita. E il Gop lo critica

REDAZIONE
Mohammed bin Salman e Donald Trump
Mohammed bin Salman e Donald Trump
N

on ci saranno ripercussioni, da parte degli Stati Uniti, per quanto riguarda il caso Khashoggi. Il presidente Trump, infatti, non sarebbe intenzionato a intraprendere offensive diplomatiche nei confronti del principe saudita Mohammed bin Salman, in relazione alla vicenda del cronista rimasto ucciso all'interno del consolato saudita a Istanbul e, successivamente, fatto sparire dopo essere stato smembrato. Secondo quanto riferito dalla Cnn, la Casa Bianca non avrebbe intenzione di muoversi contro bin Salman, barcamenandosi tra "le sue priorità di politica estera e la necessità di gestire strette relazioni con il principato saudita". Anche in questa circostanza, per Trump vale il concetto di "America First": "Abbandonare l'Arabia Saudita sarebbe un errore terribile... E' un'equazione molto semplice per me, sto cercando di rendere grande l'America di nuovo e prima parlo di lei".


Dichiarazioni e critiche

A ogni modo, Trump ha precisato che "le nostre agenzie di intelligence continuano a valutare tutte le informazioni", anche se "potremmo non sapere mai tutti i fatti riguardanti l'omicidio di Jamal Khashoggi". Poi, tornando alle esigenze di politica estera, ribadisce: "In ogni caso, il nostro rapporto di alleanza con il Regno dell'Arabia Saudita è stato di grande importanza nella nostra importantissima lotta contro l'Iran". Una presa di posizione che, inevitabilmente, ha creato malumori all'interno non solo dell'opposizione ma anche del suo stesso schiaramento, in particolare fra i legislatori, concordi nell'interpretare in modo negativo la scelta di Trump di non adottare misure contro bin Salman, di fatto accrescendo il potere di un regime che, cita ancora la Cnn, avrebbe ammesso di aver ucciso una voce critica.

Pesante la critica, arrivata via Twitter, del senatore repubblicano Rand Paul: "Sono abbastanza sicuro che questa affermazione sia 'Arabia Saudita First', non 'America First'". E ancora: "Sono anche abbastanza sicuro che sia stato scritto da John Bolton". Ancora più ficcante un altro repubblicano, Bob Corker: "Non avrei mai pensato che avrei visto il giorno in cui una Casa Bianca sarebbe stata al chiaro di luna come un'agenzia di pubbliche relazioni per il principe ereditario dell'Arabia Saudita".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo
La nave in difficoltà
NORVEGIA

Nave da crociera in avaria al largo della costa

In corso l'evacuazione dei 1.300 passeggeri. Non ci sono i feriti
Ousseynou Sy
TERRORE BUS MILANO

Gip: "Sy deve restare in carcere"

Confermati anche gli altri reati di sequestro di persona, resistenza e incendio
REGNO UNITO

Londra invasa dai "No Brexit"

Gli organizzatori: "Siamo più di un milione". La petizione online segna un nuovo record
L'incontro in moschea
STRAGE IN NUOVA ZELANDA

Cristiani e musulmani insieme in moschea

L'incontro è avvenuto nel centro di preghiera islamico di via Ranzani a Bologna
File nei Caf per chiedere il Reddito di cittadinanza
CAF

Reddito di cittadinanza, già 500mila domande

Gli Under 30, i "Millennials", rappresentano il 6,8% del totale, gli stranieri il 9,5%