VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 03:32, IN TERRIS


USA

Trump, il muro è un dilemma

Il presidente intenzionato a ricorrere al National emergency act ma i dem promettono battaglia. E il Texas si propone

REDAZIONE
Donald Trump a McAllen
Donald Trump a McAllen
E'

febbrile il clima negli Stati Uniti, dove il presidente Trump, reduce dal burrascoso vertice coi leader del Partito democratico, insiste per ottenere un via libera alla costruzione del muro che, a detta sua, resta l'unica soluzione per sciogliere l'impasse di nome shutdown. Si parla di 5,7 miliardi di dollari, per reperire i quali il Tycoon si è detto disposto, e non solo oggi, a dichiarare lo stato di emergenza nazionale, mossa che consentirebbe di aggirare il necessario via libera delle due Camere ma che, allo stesso tempo, comportrebbe dei rischi: il primo, nonché il maggiore, quello dei ricorsi legali che, senza dubbio, pioverebbero a grappoli con la possibilità concreta di riuscire a bloccare tutto. Un'eventualità che verrebbe trasformata immediatamente in fatto dai democratici ma che suscita qualche perplessità anche fra i repubblicani.


L'emergenza

In caso Trump scegliesse davvero di percorrere la via del National emergency act, dovrà innanzitutto dimostrare l'effettiva esistenza dei presupposti per dichiararlo (con battaglia annunciata dei democratici in maggioranza alla Camera, visto anche l'abbassamento sensibile degli ingressi nel Paese nel 2018) e, in seguito, reperire i fondi per costruire il muro a questo punto salva-governo. Nel piano in embrione, i soldi dovrebbero addirittura essere dirottati da una parte dei fondi destinati a Texas e Porto Rico, colpiti dagli uragani. Una via complicata, come spiegato dalla Cnn, ma quantomeno praticabile anche se, a ben vedere, il rischio che tutto si areni in discussione a Capitol Hill copre quasi tutta la percentuale.


La proposta texana

In questo contesto, la proposta che non t'aspetti arriva proprio dal Texas, per bocca del vicegovernatore Dan Patrick: "Il muro al confine col Messico possiamo costruirlo noi se il governo federale ci rimborsa". Un'offerta arrivata quando la visita di Trump a McAllen era ancora in corso e che, lì per lì, non è stata nemmeno bocciata dal presidente, apparso anzi incuriosito: "Non e' la peggior idea che abbia sentito - ha detto - ma penso ancora di poterlo fare in modo meno costoso di voi". Praticamente immediate le repliche dei democratici texani, già in disaccordo sulla possibilità che i fondi pe la costruzione possano essere decurtati dagli aiuti allo Stato. Anche questa però una pista remota. L'unica cosa certa, al momento, è lo shutdown.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo