MARTEDÌ 07 APRILE 2015, 13:36, IN TERRIS

TROPPE FOTO DEL GIUDICE UCCISO: LA TURCHIA SPEGNE I SOCIAL

La decisione del Tribunale è stata presa dopo la pubblicazione sulla piattaforme delle immagini del sequestro e della morte del magistrato

HORTENSIA HONORATI
TROPPE FOTO DEL GIUDICE UCCISO: LA TURCHIA SPEGNE I SOCIAL
TROPPE FOTO DEL GIUDICE UCCISO: LA TURCHIA SPEGNE I SOCIAL
La Turchia ha ordinato la censura di Twitter, Facebook e Youtube, una misura radicale voluta dalle autorità per impedire la circolazione delle foto che immortalano l'uccisione del procuratore Mehmet Selim Kiraz. Ed è così che la stampa indipendente del Paese si scaglia contro la "democrazia dimezzata" che ha bloccato l'accesso ai social per costringere le grandi piattaforme della comunicazione a oscurare siti e account che diffondevano le immagini dell'attentato consumato al settimana scorsa a Istanbul.

Secondo il quotidiano "Cumhuriyet", la Turchia del presidente islamico Recep Tayyip Erdogn ha imposto "il maggiore black-out" che ci sia mai stato fin'ora. Il giornale "Birgun" ha invece sottolineato che in vista delle cruciali elezioni politiche del 7 giugno il Paese si avvia verso "il caos e la censura", Yurt titola "gigantesca censura", e Taraf rileva che come aveva promesso Erdogan l'anno scorso, Ankara "sradica twitter". E se il provvedimento del governo ha colpito principalmente i social, anche la stampa non è stata risparmiata: 7 quotidiani critici con il governo islamico sono stati incriminati per presunta "propaganda del gruppo terroristico" dopo che avevano pubblicato le foto del sequestro.

Il pm Kiraz era stato preso in ostaggio da due membri del gruppo di estrema sinistra Dhkp-C per vendicare l'uccisione da parte della polizia di un ragazzo durante le proteste di Gezi Park. Attualmente l'opinione comune è divisa tra chi, come nel governo, afferma che il magistrato sia stato ucciso dai suoi sequestratori e chi invece attribuisce la sua morte all'intervento delle forze speciali. Si attendono per ora i risultati dell'autopsia che
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo