LUNEDÌ 15 APRILE 2019, 12:27, IN TERRIS


LIBIA

Tripoli: è un bagno di sangue

Il bilancio sale a 147 morti. Conte. "Al lavoro per soluzione politica"

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Scontri attorno a Tripoli
Scontri attorno a Tripoli
E'

 salito a 147 morti e 614 feriti il bilancio degli scontri attorno a Tripoli fra le truppe del governo libico riconosciuto dall'Onu di Fayez Al Serraj e l'Esercito nazionale libico (Enl) del maresciallo Khalifa Haftar. Lo riferisce l'Oms, l'Organizzazione Mondiale della Sanità.


Guerra

Guidato dall'uomo forte della Cirenaica, l'Eln ha sferrato dall'inizio di aprile una offensiva militare per conquistare Tripoli, dove ha sede il governo di Serraj, che resiste e passa alla controffensiva: "No a un cessate il fuoco, le forze di Haftar devono ritirarsi".


Il ruolo dell'Italia

L'Italia è impegnata nel tentativo di una mediazione. "Stiamo sempre seguendo l'evoluzione in Libia, oggi è una giornata molto impegnativa, siamo preoccupati, dobbiamo assolutamente scongiurare che possa proseguire questo conflitto armato - ha detto il premier Giuseppe Conte - . Abbiamo una precisa strategia, vogliamo una soluzione politica, farò di tutto perché tutti gli attori libici, ivi compresi gli esponenti della comunità internazionale, lavorino con noi per una soluzione pacifica". 


Rifugiati

Per la ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, le ricadute "in termini di destabilizzazione ricadrebbero soprattutto sull'Italia". Quanto alla probabile impennata dei flussi migratori, Trenta - intervenuta a "Circo Massimo" su Radio Capital - ha spiegato: "In caso di una nuova guerra non avremmo migranti ma rifugiati. E i rifugiati si accolgono. Chi dice che pensa al possibile attacco in Libia per risolvere il problema dei migranti sta facendo un errore enorme". Il pericolo che possano aumentare gli sbarchi, ha aggiunto, "è assoluto, è vero. Dobbiamo portare l'Europa dalla nostra parte, va trovata una soluzione europea". In un'intervista al Corriere della Sera, il vicepremier Luigi Di Maio ha assicurato che il governo sta monitorando la situazione in Libia "giorno per giorno". L'obiettivo "è garantire la sicurezza del nostro Paese e dell'area, delle aziende italiane e dei nostri militari che svolgono un lavoro straordinario a sostegno della popolazione locale. Bisogna avere testa in questi momenti e lavorare con responsabilità. Quel che sta accadendo non è un gioco, non è Risiko in cui uno si diverte a fare il duro con l'altro. Le parole hanno un peso".  

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore