MARTEDÌ 07 APRILE 2015, 16:08, IN TERRIS

TRE MESI FA LA STRAGE DI CHARLIE HEBDO, PARIGI RICORDA I VIGNETTISTI

Nella Parigi segnata dagli attacchi terroristici al giornale satirico e al supermercato Kosher si respira ancora un'atmosfera di terrore

AUTORE OSPITE
TRE MESI FA LA STRAGE DI CHARLIE HEBDO, PARIGI RICORDA I VIGNETTISTI
TRE MESI FA LA STRAGE DI CHARLIE HEBDO, PARIGI RICORDA I VIGNETTISTI
Tre mesi fa il mondo si fermava attonito di fronte le scene dell'attentato che avrebbe violato per sempre il concetto di libertà di stampa fondamento della Carta Costituzionale che ogni Stato dovrebbe garantire. L'assalto alla redazione di Charlie Hebdo ha terrorizzato la Francia e con lei l'interno Occidente. Il settimanale satirico parigino ha perso una decina tra giornalisti e disegnatori, due i poliziotti rimasti uccisi durante la strage, un bilancio di vittime che segue il grido di "Allah è grande" con cui hanno fatto irruzione negli uffici i due estremisti islamici che volevano vendicare il profeta dopo la pubblicazione di alcune vignette considerate irrispettose.

Dopo una prima reazione a caldo che ha mosso due milioni di persone in marcia nella capitale francese sotto l'unico slogan "Je suis Charlie", in segno di protesta contro il terrorismo e che ha permesso la vendita di 7 milioni di copie del numero speciale con Maometto che piange in copertina, la redazione del settimanale satirico è stata costretta a fermarsi fino al 25 Febbraio. Le vittime sono state freddate senza pietà dopo che gli aggressori sono entrati a volto coperto nelle stanze dove lavoravano il direttore Stéphane Charbonnier, in arte Charb, Georges Wolinski,Bernard Verlhac aka Tignous, Michel Renaud, Philippe Honoré, Mustapha Ourrad, Elsa Cayat, Bernard Maris economista del settore, Fréderic Boisseau addetto alla portineria e il poliziotto Ahmed Merabet.

Dall'evento che il 7 gennaio scorso ha scosso il mondo intero con la nuova ondata di terrore, è nata la volontà di voler capire e reagire, non con le armi ma con il dialogo ed è per questo che negli ultimi mesi si sono sviluppati numerosi dibattiti che hanno posto al centro dell'attenzione il tema della libertà di espressione e dei suoi confini.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti