MARTEDÌ 15 GENNAIO 2019, 22:57, IN TERRIS


GAZA

Tre carabinieri rifugiati nel consolato Onu

I militari sono sospettati di appartenere alle forze speciali israeliane. Stallo sciolto nella notte

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'ambasciata Onu a Gaza
L'ambasciata Onu a Gaza
D

opo quasi 24 ore di verifiche, è arrivata la conferma della Farnesina: tre o quattro carabinieri del Nucelo scorte del consolato italiano a Gerusalemme sono rifugiati da lunedì dalle forze di Polizia di Hamas in una sede dell'Onu a Gaza. L'ambasciata di appartenenza dei tre ha competenze anche con l'Autorità palestinese in Cisgiordania e, appunto, a Gaza, dove il gruppo è ora sotto strettissima osservazione da parte delle forze dell'organizzazione palestinese che, a quanto sembra, avrebbe "dubbi sulla loro identità", sospettando "che gli italiani siano delle forze speciali israeliane sotto mentite spoglie". Al momento non è chiaro cosa sia accaduto se non che, secondo i media israeliani, i carabinieri si trovrerebbero lì "inviati in missione dal consolato italiano a Gerusalemme e, mentre erano a Gaza, si sono rifiutati di fermarsi a un posto di blocco di Hamas, trovando poi rifugio nella sede dell'Onu".


I sospetti

La versione è stata parzialmente confermata anche da fonti di Hamas, citate dal sito Arabi21, secondo il quale l'auto dei carabinieri non avrebbe rispettato "nella serata di lunedì a un posto di blocco a Gaza e ne è scaturito un inseguimento con spari". Inoltre, riferiscono le medesime fonti, "gli uomini a bordo dell'auto avevano armi automatiche con loro". Secondo quanto riferito da ulteriori fonti palestinesi, si sarebbe addirittura verificato "un inseguimento con colpi di arma di fuoco". Non appena entrati nella palazzina, i carabinieri sarebbero stati cinti d'assedio dalle forze di Hamas, le quali avrebbero domandato alle autorità dell'Onu presenti nel consolato di "consegnare il veicolo", in quanto "la Resistenza palestinese ha sospetti sull’identità degli occupanti della macchina ed evoca la possibilità che questi siano unità speciali dell’esercito di occupazione con passaporti diplomatici europei".


Stallo superato

Nel frattempo, l'ambasciatore italiano in Israele, Gianluigi Benedetti, avrebbe incontrato uno dei leader di Hamas, Ismail Haniyeh, proprio per discutere della liberazione dei militari italiani. A riferirlo, il Jerusalem Post, senza conferme della Farnesina. Intanto, l'edificio è sempre circondato e isolato dalla zona circostante, con alcuni rappresentanti delle forze militari che hanno effettuato "una limitata inchiesta con i tre italiani ed esaminato le armi in loro possesso". Sembra che dopo diverse ore di mediazione, le forze di Hamas abbiano deciso di sciogliere l'assedio e i tre dovrebbero essere liberi di uscire fra poche ore.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...
Intelligenza artificiale
TECNOLOGIA

Boom dell’Intelligenza artificiale

In Italia è previsto un aumento di 13% del Pil entro il 2030. Una rivoluzione economica che però ha bisogno di...
Sinodo per l'Amazzonia
SINODO PER L'AMAZZONIA

Sinodo, continuano i lavori: Eucarestia, donne e rito indigeno fra i temi

Per la regione panamazzonica si profila sempre di più una Chiesa dal volto indigeno