VENERDÌ 17 APRILE 2015, 19:15, IN TERRIS

TORNA NEGLI USA DOPO L'ADDESTRAMENTO IN SIRIA: ACCUSATO DI TERRORISMO

Si tratta di un ragazzo di origini somale ma con la cittadinanza americana

AUTORE OSPITE
TORNA NEGLI USA DOPO L'ADDESTRAMENTO IN SIRIA: ACCUSATO DI TERRORISMO
TORNA NEGLI USA DOPO L'ADDESTRAMENTO IN SIRIA: ACCUSATO DI TERRORISMO
Un 23enne americano, con origini somale, è stato incriminato da un tribunale federale in Ohio per essersi recato in Siria per essere addestrato all'uso di esplosivi, di armi e nel combattimento corpo a corpo da un gruppo terrorista e di essere poi tornato negli Stati Uniti per compiere un attentato terroristico. Secondo l'accusa, l'uomo, Abdirahman Sheik Mohamud, originario della Somalia e naturalizzato americano, intendeva attaccare una base militare o una prigione negli Usa.

Mahmoud ha ottenuto la cittadinanza americana lo scorso anno, a febbraio, e una settimana dopo, secondo quanto ha affermato l'accusa, ha chiesto il passaporto Usa. Ad aprile è quindi partito con un biglietto aereo per la Grecia, ma quando il volo ha fatto scalo ad Istanbul si è dileguato ed ha attraversato la frontiera siriana. A reclutarlo sarebbe stato suo fratello, poi morto in combattimento in Siria. Terminato l'addestramento, un religioso siriano gli avrebbe detto che non doveva rimanere a combattere lì, ma che doveva tornare negli Usa «per compiere un atto di terrorismo», ancora secondo quanto affermano i documenti dell'accusa.

Si tratta di una vicenda particolarmente allarmante, perchè, Mahmoud, secondo il New York Times, è il primo caso di cui si ha notizia di una persona che dopo aver avuto l'addestramento in Siria è tornata negli Usa per compiere un attentato. Finora sono circa 200 gli americani partiti per la Siria individuati dall'Fbi, tra coloro che volevano andare ad unirsi ad organizzazioni umanitarie, donne che volevano andare a sposarsi con combattenti jihadisti, e coloro che volevano unirsi ai combattenti. Nella gran parte dei casi sono però stati individuati mentre erano ancora negli Usa e fermati in aeroporto mentre si preparavano a partire.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci