MARTEDÌ 02 GIUGNO 2015, 001:01, IN TERRIS

TORNA LO SPETTRO DELLA GUERRA FREDDA: LA RUSSIA GIOCA LA CARTA DELLE ARMI NUCLEARI

Mosca sostiene che il programma missilistico degli Stati Uniti influenza negativamente i rapporti tra il Cremlino e la Casa Bianca

AUTORE OSPITE
TORNA LO SPETTRO DELLA GUERRA FREDDA: LA RUSSIA GIOCA LA CARTA DELLE ARMI NUCLEARI
TORNA LO SPETTRO DELLA GUERRA FREDDA: LA RUSSIA GIOCA LA CARTA DELLE ARMI NUCLEARI
“La Russia si riserva il diritto di schierare, se necessario, le armi nucleare in qualsiasi parte del suo territorio, compresa la penisola di Crimea, annessa ‘illegalmente’ secondo Ue e Usa lo scorso anno”. Ad affermarlo è stato il direttore del Dipartimento per la non proliferazione e controllo sulle armi del ministero degli Esteri russo Mikhail Ulyanov a un’intervista all’agenzia di informazione Ria Novosti. L’affermazione è giunta in risposta alle dichiarazioni del ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin, secondo il quale il dispiegamento di armi russe in Crimea violerebbe il Trattato di non proliferazione.

In precedenza, il ministero della Difesa russo aveva annunciato il possibile schieramento nella penisola affacciata sul mar Nero di 10 bombardieri in grado di trasportare armi nucleari, ma non vi era stato alcun riferimento all’intenzione di armarli con le testate. “Il dispiegamento di armi nucleari in Crimea – aveva detto Klimkin nel corso della riunione ministeriale della Nato delle scorse settimane in Turchia – sarebbe la più grave violazione degli impegni internazionali di Mosca”, stabiliti in numerosi accordi, tra cui il trattato di non proliferazione. “Qualsiasi attività o segnale proveniente dalla Russia sulla mera possibilità di schierare armi nucleari in Crimea sarà considerata come la più grave violazione di tutte le norme internazionali. In questo caso, la comunità internazionale dovrà reagire in maniera più decisiva”, aveva aggiunto.

Ulyanov ha però ricordato che il programma di difesa missilistica degli Stati Uniti “influenza negativamente” i rapporti tra Mosca e Washington e le discussioni tra i due Paesi in materia di disarmo nucleare non si stanno rivelando positive. “La nostra posizione su questa materia è stata espressa più volte. Abbiamo bisogno di garanzie affidabili che questo sistema non sia diretto contro il deterrente nucleare russo. – ha poi proseguito con le sue perplessità – Finora ci hanno risposto che tali garanzie non possono essere scritte su carta e che il sistema verrà creato con o senza l’appoggio della Russia”. una politica che per l’alto funzionario non favorisce “ulteriori riduzioni di armi nucleari”, ma “rappresenta un ostacolo” al disarmo. "Non possiamo ignorare quello che sta succedendo in Europa, dove il primo trattato di controllo degli armamenti convenzionali ha cessato di esistere e non c'è nulla che lo abbia sostituito", ha detto il diplomatico aggiungendo che in seguito all'espansione della Nato ci sono stati "enormi squilibri" a sfavore della Russia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"