SABATO 08 AGOSTO 2015, 001:01, IN TERRIS

TAIWAN: NON SI ARRESTA LA PROTESTA STUDENTESCA DOPO LA MORTE DEL SUO LEADER

Il ragazzo, diventato simbolo della lotta, soffriva da sempre di depressione

CLAUDIA GENNARI
TAIWAN: NON SI ARRESTA LA PROTESTA STUDENTESCA DOPO LA MORTE DEL SUO LEADER
TAIWAN: NON SI ARRESTA LA PROTESTA STUDENTESCA DOPO LA MORTE DEL SUO LEADER
Nonostante il leader della protesta sui nuovi testi scolastici a Taiwan si sia suicidato, gli studenti proseguono la loro lotta. Anzi, i compagni e gli amici lo vedono ora come un simbolo e un eroe della battaglia contro le istituzioni, mentre i genitori chiedono di rispettare la sua memoria, raccontando la sua storia di depressione. La sua morte non deve essere vista come effetto di una “sconfitta” inflitta dalle forze dell’ordine e delle istituzioni. “Ringraziamo la sua scuola e i suoi insegnati – racconta il padre – in questi anni, a volte molto difficili per nostro figlio, ci sono stati vicini nel vivere e combattere la sua depressione. Gli eventi degli ultimi giorni sono insignificanti rispetto alla sua storia di sofferenza”.

Ovviamente non sono della stessa idea le decine di studenti coinvolte nella protesta, soprattutto dopo il messaggio sibillino scritto alla vigilia del suo ventesimo compleanno: “Voglio far parlare i media, ma non posso dirlo ora. Ci sono cose che non si possono dire, si possono solo fare”. “Lui era molto lucido nelle sue scelte, il fatto che non si possa rivendicare posizioni di verità storiche a causa del regime in cui viviamo, è la dimostrazione che i singoli non contano nulla”, afferma Wang Liuvi che dal primo giorno ha partecipato alla protesta.

Il 2 agosto quasi 1000 studenti si sono radunati per continuare la protesta nel nome di Lin. La sua morte “ha risvegliato molte coscienze che avevano subito un lavaggio del cervello da parte del partito nazionalista Kuomingtang per decenni”, afferma un’altra studentessa. Si prevede che anche nel weekend non si arresterà la protesta.

I contenuti contestati riguardano in particolare quattro materie: geografia, cultura, storia e educazione civica. È storico il problema più controverso, infatti nei nuovi testi si legge che Taiwan “è stato recuperato dalla Cina”, invece che “dato alla Cina”, dopo la fine dell’occupazione giapponese nel 1945. È anche questo un punto di scontro, è scritto infatti che il “Giappone ha occupato l’isola”, invece di dire che “il Giappone ha governato” l’isola.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs