LUNEDÌ 28 NOVEMBRE 2016, 15:00, IN TERRIS

Svizzera, bocciato il referendum per l'abbandono pianificato dell'energia nucleare

Il testo promosso dai Verdi chiedeva di vietare la costruzione di nuove centrali e di limitare a 45 anni la durata dell'esercizio degli impianti che sono già presenti

AUTORE OSPITE
Svizzera, bocciato il referendum per l'abbandono pianificato dell'energia nucleare
Svizzera, bocciato il referendum per l'abbandono pianificato dell'energia nucleare
Gli svizzeri hanno detto "no" all'abbandono pianificato dell'energia nucleare. E' stato così bocciato, con una votazione referendaria, il testo promosso dai Verdi che chiedeva di vietare la costruzione di nuove centrali nucleari e di limitare a 45 anni la durata dell'esercizio degli impianti che sono già presenti all'interno dei confini del Paese.

I voti per il "no" - che prevedeva la chiusura di 3 dei cinque reattori presenti nel Paese entro il prossimo anno - sono stati pari al 54,23% contro il 45,77%, i Cantoni contrari alla proposta sono stati 20 su 26. Gli unici a favore della proposta sono stati Basilea Campagna (50,44%), Neuchatel (56,78%), Vaud (54,57%), Ginevra (58,96%) e Giura (57,47%).

Il governo, pur essendosi pronunciato a favore dell'abbandono del nucleare, ha promosso una campagna a favore per il No al testo, spiegando che l'iniziativa condurrebbe ad una chiusura troppo precipitosa delle cinque centrali atomiche attive nel Paese. Il referendum, infatti, non interrogava gli svizzeri sul futuro del nucleare, ma unicamente la chiusura di cinque reattori che attualmente producono un terzo dell'elettricità della Svizzera.

Dopo la catastrofe a Fukushima, in Giappone, - dove nel 2011 uno tsunami danneggiò un reattore - le autorità elvetiche hanno deciso una graduale chiusura delle centrali nucleari, senza tuttavia fornire un calendario. L'obiettivo del governo è quello di decommissionare le centrali mano a mano che raggiungono la fine della loro vita. In realtà però, gli impianti elvetici operano in base a delle lince che permette loro di continuare con la produzione fino a quando rimangono soddisfatti i criteri di sicurezza.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android