MERCOLEDÌ 22 APRILE 2015, 001:01, IN TERRIS

SUDAFRICA, IL GOVERNO DISPIEGA L'ESERCITO CONTRO L'ONDATA XENOFOBA

Oltre 300 persone sono state arrestate nei disordini che hanno causato circa 80 morti

AUTORE OSPITE
SUDAFRICA, IL GOVERNO DISPIEGA L'ESERCITO CONTRO L'ONDATA XENOFOBA
SUDAFRICA, IL GOVERNO DISPIEGA L'ESERCITO CONTRO L'ONDATA XENOFOBA
Violenze xenofobe stanno attraversando il Sudafrica : per far fronte a questo le autorità hanno deciso di dispiegare l’esercito in alcune aree di Johannesburg, ma si stanno estendendo anche a Durban, dove nei giorni scorsi almeno sei persone sono state uccise. Negli ultimi giorni, comunque, sono state arrestate oltre 300 persone, e gli scontri hanno fatto registrare un tragico bilancio di vittime che è salito circa a 80. “Abbiamo deciso di farvi ricorso come ultima risorsa – dichiara il ministro della Difesa, Nosiviwe Mapisa-Nqakula – l’esercito avrà una funzione deterrente contro i criminali”. Inoltre, il governo ci tiene a sottolineare che condanna “la mutilazione e l’uccisione dei nostri fratelli e sorelle provenienti da altre parti del continente.

Nelle ultime due settimane a Durban sono stati presi di mira negozi e case di proprietà di somali, etiopi, malawiani e altri immigrati, tanto da costringere intere famiglie a fuggire per cercare riparo in campi protetti da guardie armate. Anche la capitale economica sudafricana, Johannesburg, ha registrato atti di violenza contro attività commerciali possedute da stranieri. Nella township di Alexandra la tensione tra locali e immigrati è fuori controllo, anche perché sono ben 400.000 le persone costrette a vivere in 7,6 chilometri quadrati

I primi casi di violenza xenofoba erano stati registrati all'inizio dell’anno a Soweto, nei pressi di Johannesburg, a fronte della crescente frustrazione per la mancanza di opportunità per molti neri nati dopo il 1994, ovvero dopo la fine dell’apartheid.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"