MARTEDÌ 06 GIUGNO 2017, 18:08, IN TERRIS

Strage di civili a Mosul, 163 persone uccise dall'Isis in un solo giorno

Gli uomini del Califfato hanno aperto il fuoco contro chi tentava di lasciare la città. L'Onu: "La brutalità del Daesh non conosce limiti"

REDAZIONE
Strage di civili a Mosul, 163 persone uccise dall'Isis in un solo giorno
Strage di civili a Mosul, 163 persone uccise dall'Isis in un solo giorno
Nuova strage di civili a Mosul. Secondo quanto riferito dall'Onu in un solo giorno l'Isis avrebbe ucciso 163 persone. Era il primo giugno, e bambini, donne, uomini tentavano di fuggire dalla città irachena dove è in corso una vasta offensiva contro il sedicente Stato Islamico. I tagliagole del Califfato non hanno avuto pietà e hanno sparato, a caso, contro tutti quelli che tentavano di mettersi in salvo. Le strade della zona occidentale di Mosul sono ancora disseminate dei corpi martoriati.

"La brutalità di Daesh non ha limiti" ha denunciato l'Alto commissario Onu per i diritti umani, Zeid Ra'sd Al Hussein, che ha dato per primo la notizia. "Ieri, il mio staff mi ha riferito di corpi di uomini, donne e bambini che ancora giacciono per le strade del quartiere al-Shira, nella parte occidentale di Mosul, dopo che 163 persone sono state uccise da Daesh il primo giugno per impedire loro di fuggire", ha detto Zeid intervenendo davanti al Consiglio Onu per i diritti umani riunito in sessione a Ginevra. "Il mio staff - ha aggiunto l'Alto commissario - ha inoltre ricevuto segnalazioni di persone scomparse da questo quartiere".

I jihadisti combattono porta a porta contro le forze irachene, appoggiate dagli aerei della Coalizione anti-Isis a guida Usa, che stanno cercando di riconquistare completamente Mosul, caduta in mano al Califfato nel 2014 e ripresa in parte da Baghdad. Ma la resa non è dietro l'angolo e le vittime civili, soprattutto i minori, rischiano di essere ancora molte. Ieri Peter Hawkins, rappresentante Unicef in Iraq, aveva avvertito che "i bambini vengono uccisi, feriti e utilizzati come scudi umani". L'Agenzia Onu per l'infanzia stima che centomila tra bambini e ragazzi siano in condizioni estreme di pericolo nella città vecchia e in altre aree di Mosul ovest.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano