MARTEDÌ 14 APRILE 2015, 19:15, IN TERRIS

STRAGE DI BAGHDAD, CONDANNATI I CONTRACTOR USA

Per la sparatoria nel centro di Baghdad tre condanne a 30 anni e un ergastolo

AUTORE OSPITE
STRAGE DI BAGHDAD, CONDANNATI I CONTRACTOR USA
STRAGE DI BAGHDAD, CONDANNATI I CONTRACTOR USA
Si è concluso oggi il processo ai quattro americani dell’azienda di sicurezza privata Blackwater: tre condanne a trent’anni e un ergastolo. Gli uomini sono responsabili della strage di 14 iracheni e del ferimenti di altri 17 a Baghdad, in uno dei più gravi episodi che hanno caratterizzato il vastissimo uso di contractor stranieri per garantire la sicurezza di attività private, ma anche di missioni diplomatiche, durante la guerra in Iraq.

Paul Slough, Evan Liberty e Dustin Heard passeranno i prossimi 30 anni dietro le sbarre, mentre Nicholas Slatten ci passerà il resto della sua vita, perché fu lui a sparare per primo. Il processo, con accuse che vanno dall'omicidio all'omicidio colposo, fino a reati relativi alle armi da fuoco, era iniziato a giugno dell'anno scorso, quasi sette anni dopo i fatti.

Nonostante il giudice Royce Lamberth ha riconosciuto che gli uomini furono presi dal panico, ha deciso di condannarli al minimo di pena possibile per i reati di cui sono stati giudicati colpevoli, e ha inoltre respinto gli appelli alla clemenza della difesa, sia le richieste dell’accusa di infliggere loro una condanna particolarmente severa.

Il 16 settembre 2007 i quattro erano di scorta a un diplomatico americano e aprirono il fuoco con armi automatiche e lancia grane – ritenendo di essere sotto attacco – in piazza Nisur, nel centro di Baghdad, facendo una carneficina. Secondo la difesa, poco prima della sparatoria c'era stata una detonazione a breve distanza dal luogo dove si trovavano i contractor della Blackwater, che ritennero quindi di essere caduti in un'imboscata e affermarono di essere stati presi di mira dal tiro incrociato degli insorti. Difficilmente la sentenza di oggi metterà la parola fine alla battaglia legale, poiché gli avvocati della difesa hanno fatto sapere di avere numerosi elementi per presentare appello.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android