LUNEDÌ 12 OTTOBRE 2015, 10:43, IN TERRIS

STRAGE DI ANKARA: I KAMIKAZE SONO DUE UOMINI

Smentita l'ipotesi che uno dei due attentatori fosse una donna. Uno di loro è stato identificato dalle impronte digitali lasciate sull’ordigno

MILENA CASTIGLI
STRAGE DI ANKARA: I KAMIKAZE SONO DUE UOMINI
STRAGE DI ANKARA: I KAMIKAZE SONO DUE UOMINI
Smentita l’ipotesi secondo cui uno dei due terroristi che si sono fatti esplodere ad Ankara sabato scorso fosse una donna. Gli autori della strage nella capitale turca sono infatti due uomini. Lo ha reso noto l’ufficio del premier turco, Ahnet Davutoglu. Nella nota dell’ufficio di Davutoglu si spiega che la polizia sta ancora cercando di identificare uno dei due kamikaze e quindi non si conferma la notizia che si tratti del fratello ventenne dell’autore della strage del 20 luglio a Suruc, vicino al confine con la Siria, in cui morirono 33 filo-curdi e che fu poi rivendicata dall’Isis.

La stampa turca ha riferito che il primo kamikaze sarebbe invece stato identificato. Si tratta di un uomo di 20/25 anni. Secondo il quotidiano filo-governativo turco Yeni Safak, gli inquirenti sarebbero riusciti a recuperare frammenti di impronte digitali dai resti dell’ordigno. Benché al momento manchi ancora una rivendicazione dell’attentato, secondo le fonti della sicurezza turca dietro all’attacco ci sarebbe l’Isis: “Tutti i segnali ci indicano che l’attentato possa essere stato realizzato dall’Isis - ha dichiarato una fonte investigativa - siamo completamente focalizzati sull’Isis”. La polizia turca ha arrestato oggi in diverse province 36 persone accusate di legami con il califfato, ma gli arresti non sarebbero legati alla strage.

Il corteo pacifista era stato organizzato da alcuni gruppi dell’opposizione, organizzazioni di sinistra e curdi moderati dell’Hdp - il cui successo elettorale alla consultazione di giugno aveva impedito a Erdogan di conquistare la maggioranza e l’aveva costretto a indire le elezioni del prossimo primo novembre - per chiedere la fine del confronto armato con i curdi. I due attentatori kamikaze si erano infiltrati tra i manifestanti facendosi esplodere proprio in mezzo ai militanti dell’Hdp. Almeno 97 i morti e quasi 200 feriti è il bilancio provvisorio.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Minore sul web
PEDOPORNOGRAFIA

Il 53% delle vittime ha 10 anni o meno

L'allarme è contenuto nell'ultimo rapporto dell'Unicef su web e minori