GIOVEDÌ 17 GENNAIO 2019, 01:01, IN TERRIS


LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg
F

acebook si prepara ai prossimi appuntamenti elettorali per scongiurare un nuovo Russiagate. In Nigeria, dove il 16 febbraio si terranno le Presidenziali, solo le persone che dimostrano di risiedere nel Paese potranno pubblicare inserzioni elettorali, hanno spiegato due manager di Facebook a Reuters.


Elezioni

Stessa cosa in Ucraina, che andrà alle urne il 31 marzo. In India, al voto in primavera, gli spot elettorali e i loro acquirenti saranno inseriti in un archivio online consultabile che sarà conservato per sette anni. Anche in Ue, in vista del voto di maggio, saranno adottate misure volte a garantire la trasparenza e l'acquisto di spot da parte di persone ed enti legittimati a farlo. L'approccio diversificato in base ai Paesi è solo temporaneo. L'obiettivo, spiegano i manager, è "arrivare ad una soluzione globale", con strumenti validi per tutte le nazioni, che saranno introdotti entro fine giugno.


L'inchiesta

Le nuove politiche di Facebook sono un effetto del Russiagate, cioè dell'inchiesta sulle interferenze di Mosca nelle elezioni che hanno portato Donald Trump alla Casa Bianca a fine 2016. L'inchiesta avrebbe dimostrato l'esistenza di una fabbrica russa di troll che ha pubblicato spot elettorali su Facebook, Twitter e Google per orientare il voto americano. In seguito allo scandalo, le autorità di diversi Paesi hanno fatto pressione su Facebook e le altre piattaforme coinvolte, chiedendo l'introduzione di misure in grado di porre un freno alle interferenze straniere nelle elezioni.


Giganti del web

Anche Google due mesi fa ha annunciato nuove regole per le Europee: chi compra spazi per spot elettorali dovrà indicare la residenza e specificare chi sta pagando l'inserzione. Google inoltre collaborerà con gli organi di stampa dei 27 Paesi Ue per sostenere il fact checking online contro le bufale. Per contrastare le fake news elettorali, Facebook - secondo il New York Times - avrebbe allestito una "war room". Anche Twitter è della partita: a ottobre ha pubblicato una lista di 10 milioni di tweet legati a campagne di disinformazione, così da favorire indagini indipendenti.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
CILENTO

L’autopsia rivela che Simon Gautier è morto per choc emorragico

Il giovane escursionista francese presentava fratture alle gambe e aveva l’arteria femorale recisa, la sua agonia è...

In Francia è pericoloso guidare

E’ il paese transalpino quello con più incidenti mortali sulle strade
Luigi Pirandello e Marta Abba
TEATRO

"Non domandarmi di me, Marta mia": sogno e dolore nello spazio di una lettera

Alla kermesse "I solisti del teatro" lo spettacolo firmato da Katia Ippaso, con la regia Arturo Armone Caruso
IMPRESE

Il 25% dei venditori è itinerante

In Italia un’impresa commerciale su quattro è ambulante. Cresce il numero degli operatori economici stranieri
Immagine di repertorio
VIOLENZA SESSUALE

Ivrea, ragazza minorenne accusa: "Abusata dal branco al centro sociale"

In ospedale non hanno riscontrato lesioni particolari. Aperto fascicolo per violenza sessuale contro ignoti, sentite cinque...
L'arrivo di Ribery a Firenze
CALCIOMERCATO

Ribery, un campione in Viola

Colpo della Fiorentina di Commisso: l'esterno francese approda a Firenze fra l'entusiasmo e, soprattutto, con tante...