GIOVEDÌ 17 GENNAIO 2019, 01:01, IN TERRIS


LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg
F

acebook si prepara ai prossimi appuntamenti elettorali per scongiurare un nuovo Russiagate. In Nigeria, dove il 16 febbraio si terranno le Presidenziali, solo le persone che dimostrano di risiedere nel Paese potranno pubblicare inserzioni elettorali, hanno spiegato due manager di Facebook a Reuters.


Elezioni

Stessa cosa in Ucraina, che andrà alle urne il 31 marzo. In India, al voto in primavera, gli spot elettorali e i loro acquirenti saranno inseriti in un archivio online consultabile che sarà conservato per sette anni. Anche in Ue, in vista del voto di maggio, saranno adottate misure volte a garantire la trasparenza e l'acquisto di spot da parte di persone ed enti legittimati a farlo. L'approccio diversificato in base ai Paesi è solo temporaneo. L'obiettivo, spiegano i manager, è "arrivare ad una soluzione globale", con strumenti validi per tutte le nazioni, che saranno introdotti entro fine giugno.


L'inchiesta

Le nuove politiche di Facebook sono un effetto del Russiagate, cioè dell'inchiesta sulle interferenze di Mosca nelle elezioni che hanno portato Donald Trump alla Casa Bianca a fine 2016. L'inchiesta avrebbe dimostrato l'esistenza di una fabbrica russa di troll che ha pubblicato spot elettorali su Facebook, Twitter e Google per orientare il voto americano. In seguito allo scandalo, le autorità di diversi Paesi hanno fatto pressione su Facebook e le altre piattaforme coinvolte, chiedendo l'introduzione di misure in grado di porre un freno alle interferenze straniere nelle elezioni.


Giganti del web

Anche Google due mesi fa ha annunciato nuove regole per le Europee: chi compra spazi per spot elettorali dovrà indicare la residenza e specificare chi sta pagando l'inserzione. Google inoltre collaborerà con gli organi di stampa dei 27 Paesi Ue per sostenere il fact checking online contro le bufale. Per contrastare le fake news elettorali, Facebook - secondo il New York Times - avrebbe allestito una "war room". Anche Twitter è della partita: a ottobre ha pubblicato una lista di 10 milioni di tweet legati a campagne di disinformazione, così da favorire indagini indipendenti.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...