MARTEDÌ 07 LUGLIO 2015, 19:00, IN TERRIS

SOUTH CAROLINA: VALANGA DI SI' ALLA RIMOZIONE DELLA BANDIERA SUDISTA

Il Senato del grande Stato americano ha approvato la mozione promossa dal governatore Nikki Haley

EDITH DRISCOLL
SOUTH CAROLINA: VALANGA DI SI' ALLA RIMOZIONE DELLA BANDIERA SUDISTA
SOUTH CAROLINA: VALANGA DI SI' ALLA RIMOZIONE DELLA BANDIERA SUDISTA
Il Senato del South Carolina ha approvato con voto a stragrande maggioranza la rimozione della bandiera Confederata dal Parlamento locale. Il provvedimento, promosso dal governatore repubblicano Nikki Haley dopo il massacro di Charleston, è passato in seconda lettura nella notte con 37 voti favorevoli e 3 contrari al termine di un dibattito serrato. Molti senatori, riferisce la stampa americana, hanno dichiarato di essere stati ispirati dal perdono concesso dai parenti delle vittime al giovane che il 17 giugno ha aperto il fuoco in una chiesa frequentata da afroamericani, uccidendo nove persone. "Se loro hanno potuto fare un gesto di pace in queste terribili circostanze... penso di poterlo fare anche io con una bandiera" ha spiegato il repubblicano Chip Campsen. Il suo collega Larry Martin, bianco e repubblicano, ha invitato la gente della Carolina del Sud a essere "onesta con sè stessa". "La bandiera confederata - ha detto - è stata issata sul Campidoglio nel 1960 per segnare il centenario della guerra di Secessione, ma è rimasta come segno di resistenza al movimento dei diritti civili. Ricordo cosa dicevano allora gli adulti dell'integrazione a scuola - ha aggiunto - Non era bello. Oggi sono cose irripetibili".

Dopo il Senato, ora dovrà pronunciarsi anche la Camera dei rappresentanti locali. Ma ormai è certo che la terribile sparatoria di Charleston, in cui è rimasto ucciso anche un senatore afroamericano locale, il democratico Clementa Pickney, ha costretto i bianchi della Carolina del Sud a ripensare al valore di simboli come la bandiera Confederata. Dopo che l'autore della strage, il suprematista bianco Dylann Storm Roof ha postato la sua immagine accanto al vessillo degli stati sudisti, è diventato impossibile nascondersi dietro la scusa del valore storico, ignorando che per gli afroamericani quello è un simbolo di oppressione. Quella bandiera "non è parte del nostro futuro, è parte del nostro passato", ha sintetizzato Martin.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau