MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 001:01, IN TERRIS

SONO MIGLIAIA I PROFUGHI SOCCORSI AL LARGO DELL'INDONESIA E MALAYSIA

Secondo l'attivista Chris Lewa la maggior parte dei migranti è ancora intrappolata in mare aperto

CLAUDIA GENNARI
 L’immigrazione è una questione che non riguarda solo l’Europa: le autorità di Indonesia e Malaysia hanno soccorso 4 imbarcazioni al largo della costa, con a bordo circa 1.400 profughi di Rohingya in mare aperto da almeno una settimana. L’intervento della marina di Jakarta e Kuala Lumpur è avvenuto oggi, a sole 24 ore di distanza dallo sbarco di altri 600 esuli sulle coste della provincia indonesiana di Aceh. Fonti locali riferiscono che le imbarcazioni sembravano abbandonate a se stesse e senza controllo, mentre la Thailandia, destinazione abituale delle imbarcazioni, ha promosso negli ultimi giorni un giro di vite contro gli sbarchi. Una stretta decisa dai vertici governativi di Bangkok, dopo la scoperta di una fossa comune nei pressi del confine con la Malaysia al cui interno erano sepolti decine di cadaveri di Rohingya.

Dei circa 1400 profughi recuperati oggi, un migliaio è sbarcato sulle coste della Malaysia dopo essere stato abbandonato dai trafficanti nelle acque (poco profonde) al largo dell’isola di Langkawi, celebre meta turistica. Il vice capo della sezione locale della polizia Jamil Ahmed parla di “tre imbarcazioni, con a bordo 1.018 migranti”. Egli aggiunge che il numero è destinato ad aumentare nei prossimi giorni, perché altri migranti si stanno avvicinando all’isola. Nelle prime ore di oggi le autorità indonesiane hanno soccorso un’altra imbarcazione al largo delle coste di Aceh, con a bordo circa 400 fra uomini, donne e bambini della minoranza Rohingya, alcuni dei quali in precarie condizioni di salute. Jakarta ha chiesto aiuto ai pescherecci per monitorare gli sbarchi, in vista dell’arrivo di nuovi profughi.

Chris Lewa, attivista di Arakan Project, organizzazione umanitaria che si occupa della tutela dei diritti dei Rohingya, afferma che migliaia di migranti sono al momento intrappolati in mare aperto, a causa del giro di vite contro gli sbarchi adottato da Bangkok e Kuala Lumpur.

Dal giugno del 2012 lo Stato occidentale birmano di Rakhine è teatro di scontri violentissimi fra buddisti e Rohingya, che hanno causato almeno 200 morti e 250mila sfollati. Secondo stime delle Nazioni Unite in Myanmar - nazione a maggioranza buddista, con 50 milioni di abitanti - vi sono tuttora 1,3 milioni di appartenenti alla minoranza musulmana, che il governo considera immigrati irregolari senza diritto di cittadinanza; per questo essi sono oggetto di abusi e persecuzioni.  Ad oggi vi sono ancora 140mila sfollati rinchiusi nei centri profughi che, secondo quanto stabilito dal governo birmano, devono accettare la classificazione di bengali - e ottenere la cittadinanza - oppure rimanere "a vita" nei campi. All'interni essi sono privati dei diritti di base, fra cui assistenza sanitaria, educazione o un lavoro. Contro l'emarginazione e l'abbandono in cui versa la minoranza musulmana è intervenuta a più riprese anche la Chiesa cattolica birmana.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Emmanuel Macron durante il summit (foto di ansa.it)
CLIMA

Macron: "Stiamo perdendo la battaglia"

Il presidente francese ha aperto lo "One Planet Summit" di Parigi. "Non dobbiamo sbagliare"
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo