SABATO 09 MAGGIO 2015, 12:45, IN TERRIS

SIRIA, TROVATO DEL GAS NERVINO IN UNA BASE SEGRETA DI ASSAD

Il regime di Damasco si era impegnato a interrompere la produzione e consegnare tutte le armi chimiche già nel 2013. Gli Usa chiedono l’apertura di un’inchiesta

MILENA CASTIGLI
SIRIA, TROVATO DEL GAS NERVINO IN UNA BASE SEGRETA DI ASSAD
SIRIA, TROVATO DEL GAS NERVINO IN UNA BASE SEGRETA DI ASSAD
Nuovi elementi avvalorano l'ipotesi che il regime siriano di Assad non abbia smesso di produrre armi chimiche, come si era impegnato a fare a fine agosto del 2013 dopo la minaccia di raid aerei americani e francesi sulle basi strategiche siriane. In un rapporto finora tenuto riservato, i tecnici dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (Opac) hanno trovato, tra dicembre e gennaio, dei precursori - le sostanze chimiche di base per creare i letali veleni – del gas nervino Sarin e Vx. Le sostanze proibite sono state rinvenute in un centro di ricerca militare tenuto segreto all’Occidente che parte della rete dello “Scientific Studies and Research Center” siriano, rassicurante nome di facciata dietro cui si cela, in realtà, il programma di armi chimiche di Damasco.

“Questo è un segnale piuttosto forte di come il regime siriano abbia mentito su quanto hanno fatto con il Sarin”, ha dichiarato una fonte diplomatica dell'Opac, aggiungendo che Damasco “non e' stata in grado di fornire una giustificazione soddisfacente a questa nuova scoperta”. Alla fine di agosto del 2013, dopo il terribile raid su Ghouta (un sobborgo di Damasco) che il 21 agosto di 2 anni fa causò oltre 1.400 morti, Assad riuscì a bloccare i raid aerei di Washington e Parigi. All'ultimo momento, grazie alla mediazione russa, la Siria aderì all'Opac, promettendo di consegnare tutto l'arsenale chimico. Lo scorso anno il regime consegno 1.300 tonnellate di armi chimiche ad una missione Opac (cui venne attribuito il Nobel per la Pace) che provvide a distruggerli in mare su una nave speciale americana.

Damasco ha comunque sempre negato di aver usato armi chimiche nella guerra iniziata a metà marzo del 2011 contro i ribelli nonostante recentemente siano emerse prove dell'uso di bombe al cloro da parte delle truppe siriane. In base all'accordo, Damasco si era impegnata a distruggere il suo arsenale chimico e a sospendere il programma, oltre a non usare gas nella guerra. Ma l'Opac, pur senza attribuire formalmente responsabilità (il suo mandato non glielo consente) ha accertato l'uso “sistematico e ripetuto” di bombe al cloro dopo le garanzie fornitegli dalla Siria. Conseguentemente gli Usa hanno chiesto che sia una missione Onu a determinare chi abbia usato il gas. La Casa Bianca è infatti certa della colpevolezza del regime poiché gli ordigni vengono sganciati da elicotteri di proprietà esclusiva delle truppe siriane.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Brexit (repertorio)
BREXIT

Ok del Consiglio alla "fase due"

May: "Passo importante". I leader Ue: "Ora inizia il difficile"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana