SABATO 30 MAGGIO 2015, 17:27, IN TERRIS

SIRIA, MILIZIANO CRISTIANO DECAPITA TERRORISTA DELL’ISIS PER VENDETTA

Nuovo orrore a Kobane, i jihadisti imbottiscono i corpi delle vittime col tritolo per usarli come bombe

MILENA CASTIGLI
SIRIA, MILIZIANO CRISTIANO DECAPITA TERRORISTA DELL’ISIS PER VENDETTA
SIRIA, MILIZIANO CRISTIANO DECAPITA TERRORISTA DELL’ISIS PER VENDETTA
In Siria un militante di fede cristiana, membro della comunità assira, avrebbe decapitato un jihadista del sedicente Stato islamico (Isis) per vendicare le stragi commesse dal gruppo terroristico contro le minoranze religiose nel nord est del Paese. A riferire l’inconsueta notizia, è stato l'Osservatorio siriano per i diritti umani, citato dalla tv satellitare al-Arabiya. L'episodio si sarebbe verificato ieri nella provincia siriana di al-Hasaka, zona in gran parte controllata dall'Isis.

L'attivista cristiano, impegnato a combattere l'Isis nei Consigli assiri, alleati delle milizie curde che all'inizio del mese hanno contribuito a respingere i jihadisti da alcuni villaggi assiri di al-Hasaka, avrebbe incontrato la sua vittima nel villaggio di Tal Shamiram, lo avrebbe fatto prigioniero e lo avrebbe poi decapitato per vendicare gli abusi commessi dal suo gruppo nella regione.

L’Isis, da parte sua, non retrocede nella sua tattica del terrore. Nella città siriana di Kobane – località situata al confine con la Turchia e a maggioranza curda - i miliziani jihadisti hanno decapitato i corpi delle loro vittime per poi imbottirli con 20 Kg di esplosivo e 500 cuscinetti a sfera in acciaio, trasformando così quelle povere salme in vere e proprie bombe pronte a saltare in aria non appena qualche soccorritore o civile si avvicinasse.

A rivelare questa ennesima raccapricciante svolta nella battaglia jihadista, è Handicap International, una Ong che si occupa anche dello sminamento di Kobane. Uno dei responsabili dell’associazione è Frederick Maio che racconta la situazione attuale: “Quello che dobbiamo fare e quello che la popolazione ha accettato è trattare ogni corpo come sospetto. Anche se non sono una trappola esplosiva, ci sono stati così tanti incidenti che ora vengono toccati molto raramente. Quello da fare quanto prima è privilegiare la rimozione delle mine nelle zone residenziali, per permettere alla popolazione di riprendere le proprie attività”.

Kobane era stata conquistata dall’Isis che poi aveva dovuto abbandonarla a gennaio dopo l’avanzata dei combattenti delle Unità di protezione del popolo curdo (Ypg) e dei peshmerga, sostenuti dai raid aerei della coalizione internazionale a guida Usa. Quella che i jihadisti hanno lasciato alle loro spalle, però, è una città devastata, danneggiata per il 70% delle sue abitazioni e in cui sono presenti, secondo l’Ong, una “densità e una varietà di residuati bellici che non è quasi mai stata vista prima”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato