DOMENICA 28 GIUGNO 2015, 12:30, IN TERRIS

SIRIA: KOBANE E' FINALMENTE LIBERA DALL'ISIS

Le milizie curde hanno ripreso il pieno controllo della città

AUTORE OSPITE
SIRIA: KOBANE E' FINALMENTE LIBERA DALL'ISIS
SIRIA: KOBANE E' FINALMENTE LIBERA DALL'ISIS
Le milizie curde hanno ripreso il pieno controllo della città siriana di Kobane, assediata dall'Is. Ci sono ancora scontri a sud della città. Lo ha riferito l'Osservatorio siriano per i diritti umani, sottolineando che i jihadisti sunniti sono stati costretti a ritirarsi. L'Is ha ucciso circa 200 persone nella zona, dall'inizio dell'ultima offensiva, giovedì, in cui hanno perso la vita 146 persone. Secondo attivisti curdi citati dall'agenzia di stampa Xinhua, i combattenti curdi hanno anche fatto saltare in aria la sede di Medici senza Frontiere occupata dai jihadisti. Secondo le ong attualmente sarebbero in corso dei rastrellamenti per catturare eventuali jihadisti che si fossero nascosti in città dopo la ritirata delle milizie.

L'Osservatorio siriano ha anche fornito alcuni dati sulle perdite di civili da giovedì, giorno che ha segnato l'inizio dell'offensiva dell'Is. In poco più di 48 ore hanno perso la vita oltre 200 persone, giustiziate, uccise da colpi di mortaio o abbattute dai cecchini dello Stato islamico che si erano asserragliati in alcuni edifici di Kobane. Si tratta di uno dei più gravi massacri di civili compiuti finora in Siria dai jihadisti.

Ma oggi contro i curdi è intervenuto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha accusato i peshmerga di compiere una pulizia etnica nelle zone che vengono liberate dallo Stato Islamico. Compresa Kobane, ultima in ordine di tempo ad essere stata riconquistata dai combattenti dell'Ypg. "Dico alla comunità internazionale che qualunque sia il prezzo da pagare, noi non permetteremo mai la formazione di un nuovo stato nella nostra frontiera meridionale nel nord della Siria", ha detto Erdogan citato dai media turchi.

Il presidente turco ha poi accusato le forze curde di aver "cambiato la struttura demografica" di diverse zone vicine al confine con la Turchia, dove vivono anche arabi e turkmeni. A Roma, al contrario, manifestazione davanti all'Ufficio del turismo turco: i manifestanti accusano Erdogan di "favorire l'Is".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...