LUNEDÌ 12 SETTEMBRE 2016, 10:34, IN TERRIS

SIRIA, I RIBELLI: "NON RISPETTERMO LA TREGUA"

Al tramonto scatta il cessate-il-fuoco: stop ai raid governativi e russi

MILENA CASTIGLI
SIRIA, I RIBELLI:
SIRIA, I RIBELLI: "NON RISPETTERMO LA TREGUA"
I ribelli di Ahrar al Sham non rispetteranno la tregua che entrerà in vigore stasera in Siria. Il regime di Assad ha approvato l'accordo Usa-Russia sul cessate il fuoco come primo passo verso una transizione politica, anche attraverso una collaborazione militare sul campo, e per far arrivare aiuti umanitari. Dopo una maratona diplomatica lunga 13 ore, il segretario di Stato Usa John Kerry e il suo omologo russo, Sergej Lavrov, avevano annunciato il raggiunto accordo: Assad ora "è pronto a collaborare", avevano detto da Ginevra. Obiettivo finale: creare condizioni per la pace. Il presidente siriano Bashar al Assad oggi si è recato a pregare nella moschea di Daraya, la città simbolo della ribellione, che a fine agosto si è arresa alle forze del regime dopo quattro anni di guerriglia.

Se la tregua reggesse, infatti, i civili non subirebbero più i bombardamenti e i convogli con cibo e medicinali dell’Onu raggiungerebbero le città e i quartieri assediati da ribelli e governativi. Oltre 300 mila persone si trovano nella parte orientale di Aleppo dove, negli ultimi due mesi, non è potuto entrare neanche un convoglio umanitario e i bombardamenti hanno ucciso centinaia di persone e decine di bambini innocenti.

Dopo il fallimento dell’intesa di febbraio, i ribelli sono molto diffidenti sulla possibile transizione politica. Oggi è arrivato il "no" alla tregua del potente gruppo Ahrar al-Sham, appoggiato da Turchia e Arabia Saudita, che ad Aleppo combatte a fianco di Jsf e che può contare su 20 mila combattenti. Aḥrār al-Shām (che in arabo significa "Uomini liberi della Grande Siria") è un gruppo armato siriano che raduna varie formazioni minori d'impronta ideologica islamista e salafita. Nel suo primo comunicato audio nel 2011, l'organizzazione aveva indicato il suo obiettivo di rimpiazzare il governo siriano laico con uno Stato islamico e di compiere una jihad contro un complotto safavide (vale a dire iraniano) teso a diffondere lo Sciismo per costituire un grande Stato sciita che comprenda Siria, Iran e l'Iraq, non senza coinvolgere Libano e Palestina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
STATI UNITI

Orrore in California: 13 fratelli tenuti in catene dai genitori

I due sono stati arrestati: i ragazzi, fra i 2 e i 29 anni, erano detenuti in condizioni inumane
Filippo Nogarin
ALLUVIONE DI LIVORNO

Indagato il sindaco Filippo Nogarin

Ipotesi di reato di concorso in omicidio colposo: "Non sono stupito". Nella tragedia persero la vita 8 persone
Dolores O'Riordan
LONDRA

Addio a Dolores O'Riordan, voce dei Cranberries

La cantante irlandese se ne va a 46 anni per cause ignote, aveva problemi di salute
Severino Antinori
SANITÀ E DIRITTO

Antinori: chiesta condanna a 9 anni di carcere

Il ginecologo è accusato del prelievo forzoso di ovociti ad un'infermiera
Immigrati fuori la Stazione Centrale di Milano
MIGRANTI

Per Fontana sono una minaccia per la "razza bianca"

Il candidato alla Regione Lombardia poi si scusa: "È stato un errore espressivo"
Scontri all'aeroporto di Tripoli
LIBIA

Scontri all'aeroporto di Tripoli: 16 morti

Nel conflitto sono impegnate la milizia Zamrina e le forze di deterrenza speciali
La nuova Ducati del Moto Mondiale 2018
MOTOGP 2018

Ecco la nuova Ducati di Lorenzo e Dovizioso

I piloti: "E' una moto bellissima. Vogliamo far divertire tanto i tifosi"
Il forte di Bard, in Valle d'Aosta
MOSTRE

Monet, Renoir e Boudin al Forte di Bard

Dal 3 febbraio al 17 giugno “Luci del Nord. Impressionismo in Normandia”