GIOVEDÌ 07 MAGGIO 2015, 16:30, IN TERRIS

SIRIA: DECINE DI JIHADISTI UCCISI DURANTE UN ATTACCO DELL'ESERCITO

Anche ieri nella stessa zona aveva avuto luogo un altro scontro a fuoco tra i miliziani di Hezbollah e quelli del Fronte al Nusra

CLAUDIA GENNARI
SIRIA: DECINE DI JIHADISTI UCCISI DURANTE UN ATTACCO DELL'ESERCITO
SIRIA: DECINE DI JIHADISTI UCCISI DURANTE UN ATTACCO DELL'ESERCITO
Decine di jihadisti sono stati uccisi e feriti in Siria durante un attacco dell’esercito contro due località nei pressi del confine con il Libano. A riferirlo è stata al-Manar, la tv del movimento sciita libanese Hezbollah, alleato del regime di Damasco. Secondo l’emittente, le forze siriane hanno colpito “gruppi armati” nelle città di Assal al-Ward e al-Jobeh, situati a nord di Damasco. Al-Manar ha precisato che le truppe hanno preso il controllo di alcune colline in precedenza nelle mani dei jihadisti.

Ieri aveva avuto luogo nella stessa zona un altro duro scontro a fuoco tra i miliziani di Hezbollah e quelli del Fronte al Nusra, nel quale erano rimasti uccisi 15 jihadisti e avevano riportato ferite due combattenti di Hezbollah. In precedenza al Nusra, insieme ad altre forze ribelli alleate, aveva lanciato una serie di attacchi contro le posizioni di Hezbollah e dell’esercito di Bashar al Assad nell’ovest della Siria. Le violenze si erano poi propagate nelle ore successive all’interno del territorio libanese, con una sparatoria registrata a Baalbek, durante il funerale di un combattente del Partito di Dio, rimasto ucciso in Siria.

Il Libano è più che mai il crocevia del caos: senza presidente dal 25 maggio 2014 (perché nel fragile sistema istituzionale libanese la carica di Capo dello Stato spetta a un cristiano e i cristiani dei due blocchi rivali, la coalizione filo-saudita “14 Marzo” e il blocco “8 Marzo” capitanato dagli sciiti filo-iraniani di Hezbollah, non riescono a trovare un nome condiviso), il Paese dei Cedri tiene botta da due anni alla pressione dei profughi siriani giunti ormai a quota un milione e mezzo (su 4,5 milioni di abitanti). Tra lo stallo istituzionale, aggravato dalla decisione del Parlamento di rinviare ulteriormente le elezioni legislative fino al giugno del 2017, e la minaccia demografica dei rifugiati (in stragrande maggioranza sunniti in un paese con una crescente popolazione sciita), la sensazione diffusa è di sedere su una mina inesplosa.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo