LUNEDÌ 13 MARZO 2017, 18:00, IN TERRIS

Siria: Daesh sotto pressione a Raqqa, miliziani scontenti tentano il golpe

Un gruppo di tunisini, infuriati per la riduzione degli stipendi ai miliziani "stranieri", ha provato a prendere il potere. Venti alti quadri dell'Isis sono morti in un attacco kamikaze

REDAZIONE
Siria: Daesh sotto pressione a Raqqa, miliziani scontenti tentano il golpe
Siria: Daesh sotto pressione a Raqqa, miliziani scontenti tentano il golpe
Non bastavano l'arrivo dei marines americani e la nuova sconfitta subita a Palmira. A mettere in crisi l'Isis in Siria ora è anche una fronda interna allo stesso Califfato. Complice il "cattivo trattamento salariale" erogato da Abu Bakr al Baghdadi, un gruppo di miliziani tunisini ha messo in atto un vero e proprio tentativo di golpe per prendere il potere a Raqqa, "capitale" siriana del sedicente Stato Islamico. Un attentato kamikaze, organizzato dalla fronda, ha provocato la morte di almeno 20 alti quadri dell'organizzazione. A darne notizia è stata l'agenzia filo iraniana al Mayadin, citando social network di affiliati all'Isis e "fonti locali a Raqqa".

Secondo quanto riferito, il tentativo di "colpo di Stato" è andato in scena nella notte tra venerdì e sabato scorsi da un gruppo chiamato "I migranti arabi" (espressione che deriva dalla prima epoca dell'Islam e usato oggi per indicare chi combatte per il jihad in terra straniera). Altre fonti aggiungono che il tentato golpe è stato organizzato sulla base di proteste causate dalla riduzione degli stipendi ai miliziani "stranieri", distinguendoli dagli iracheni, che costituiscono il cuore dell'Isis.

Quando la polizia militare del Daesh è intervenuta per tentare di sedare le proteste, alcuni attentatori suicidi del gruppo dei tunisini si sono fatti esplodere uccidendo "20 tra responsabili della sicurezza e militari" dell'Isis. Alcuni golpisti, proseguono le fonti, sono riusciti a mettersi in salvo e a fuggire da Raqqa ma non vi sono notizie sulla loro sorte. Già l'anno scorso erano emerse notizie di un tentato golpe a Mosul, roccaforte dell'Isis nel nord dell'Iraq. La notizia di queste ore giunge mentre circolano voci a Raqqa della nomina del nuovo governatore e del nuovo comandante militare della zona, rispettivamente Abu Ayat Jawfi e Abu Hareth Shami. Il primo era governatore di Bab, a est di Aleppo, ora presa dalle forze turche.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma