MERCOLEDÌ 06 SETTEMBRE 2017, 11:07, IN TERRIS

Segnali di distensione tra Roma e Tobruk: incontro Minniti-Haftar a Bengasi

Il faccia a faccia sarebbe avvenuto la settimana scorsa. L'Italia vuole mantenere aperto il dialogo con l'uomo forte della Cirenaica

EDITH DRISCOLL
Segnali di distensione tra Roma e Tobruk: incontro Minniti-Haftar a Bengasi
Segnali di distensione tra Roma e Tobruk: incontro Minniti-Haftar a Bengasi
Il ministro italiano dell'Interno, Marco Minniti, ha incontrato a Bengasi il generale libico Khalifa Haftar nel segno della distensione tra Roma e l'uomo forte di Tobruk. In assenza di notizie ufficiali da parte del Viminale, a dar conto del faccia a faccia - che dovrebbe essere avvenuto la scorsa settimana - è stata la pagina Facebook dell'ufficio stampa del comando generale delle forze armate arabe libiche che ha postato anche la foto di Minniti ed Haftar sorridenti che si stringono la mano.

Nel ginepraio libico, Paese diviso tra mille fazioni, milizie e tribù, la posizione italiana è stata sempre quella di tenere i canali di comunicazione aperti con tutti, visti i rilevanti interessi che Roma ha nel Paese nordafricano, migranti ed energia in primis. Minniti quest'anno è stato diverse volte in Libia, dove ha incontrato Fayez al Serraj, presidente del governo di unità nazionale riconosciuto dall'Onu, ma anche sindaci e capi tribù di svariate zone del Paese.

L'Italia è inoltre l'unico Paese occidentale ad aver riaperto la propria ambasciata nella Capitale libica. E, naturalmente, non si può evitare il rapporto con Haftar che, alla guida dell'esercito nazionale libico, rappresenta l'Est del Paese a Tobruk. Non a caso anche nella città portuale, sede del Parlamento non riconosciuto dall'Onu e sostenuto dal generale, l'Italia ha attivato una sede diplomatica.

La missione navale italiana nelle acque di Tripoli, concordata da Gentiloni e Serraj, ha provocato la dura reazione del generale che ha parlato di violazione degli accordi firmati a Parigi il 25 luglio scorso nell'incontro voluto dal presidente francese Emmanuel Macron. "Non c'è stata - aveva tuonato Haftar - alcuna intesa con noi. E' stata una scelta individuale, illegittima e illegale di Serraj. Nessuno può entrare con mezzi militari nelle nostre acque territoriali senza autorizzazione". Una bordata, come nello stile del generale, per impostare le trattative e far valere la sua autorità ed il principio che in Libia non si fanno accordi senza di lui che - tra l'altro - gode del sostegno di Russia, Egitto e Francia.

La visita di Minniti dimostra che l'Italia non ha alcuna intenzione di tagliare fuori Haftar e che nella grande partita economica aperta con l'Europa con fondi per decine di milioni che affluiranno nel Paese per iniziative di contrasto ai trafficanti di uomini e di sviluppo, giocherà anche il potente generale della Cirenaica. Roma, inoltre, non vuole perdere terreno sulla Francia che con Macron ha avviato una politica diplomatica aggressiva in Libia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"
RAPPORTO CARITAS 2017

In Italia un "esercito di poveri"

Preoccupa la situazione dei giovani: il 37% a rischio esclusione sociale
Il Papa celebrerà la Messa in S. Pietro domani alle 10
GIORNATA DEI POVERI

Una famiglia di Torino porterà le offerte all'altare

Saranno 7000 i bisognosi che parteciperanno alla Messa con Papa Francesco
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"
Truppe irachene
IRAQ

Rawa strappata all'Isis

Riconquistata la cittadina nordoccidentale. La Coalizione: "Vicina la fine del Califfato"