GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 16:00, IN TERRIS

SECONDA GUERRA MONDIALE, IL GIAPPONE RENDE ONORE AI CADUTI AMERICANI

Sempre più forte è l'alleanza tra i due Paesi, e Shinzo Abe prosegue il viaggio americano verso la California

CLAUDIA GENNARI
In uno storico intervento davanti al congresso di Washington, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha espresso le proprie “eterne condoglianze” per i soldati statunitensi uccisi durante la seconda guerra mondiale, e il “profondo rimorso” per le sofferenze provocate dal Giappone in Asia durante il conflitto. Abe è stato il primo premier giapponese a essere ricevuto con tutti gli onori a Capitol hill. Certo, non ha riconosciuto esplicitamente che il suo fu un Paese aggressore e non si è scusato per le “donne-conforto” costrette alla prostituzione durante il conflitto, ma ha trovato varie espressioni significative per sottolineare che il suo Paese è cambiato grazie a un’America di cui ora vuole essere il miglior alleato in un ruolo più attivo per la sicurezza internazionale.

“Miei cari amici” ha detto, tra gli applausi bipartisan di repubblicani e democratici, “da parte del popolo giapponese offro con profondo rispetto le mie eterne condoglianze per le anime di tutti gli americani che hanno perso la vita durante la seconda guerra mondiale”. Le parole hanno segnato una svolta per il Paese, dato che prima d’ora aveva sempre rifiutato di esprimere le proprie responsabilità. Tra le prime reazioni si segnala quella molto negativa del congressman nippo-americano Mike Honda, che aveva portato una “donna-conforto” coreana che oggi ha 87 anni ad ascoltare il discorso: per Honda è stato scioccante e vergognoso che Abe non abbia riconosciuto direttamente le responsabilità storiche del suo Paese, sì si sia scusato per le “donne-conforto”, dicendo genericamente che sono le donne a soffrire di più durante le guerre.

Il successo del viaggio americano di Abe – che prosegue in California - sta nella sta nella dimostrazione della solidità dell'alleanza con gli Usa e nel suo “upgrading” annunciato dai rispettivi ministri della Difesa e degli Esteri: una alleanza militare che si estende al mondo e non sarà più limitata ai confini dell'arcipelago. E Abe porta a casa il rinnovato impegno degli Usa a difendere anche le remote isole Senkaku, rivendicate dalla Cina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Spiaggia sul Tevere
IL PROGETTO

Tevere, una spiaggia a Ponte Marconi

La sindaca Raggi lo annuncia in Campidoglio: "Lido entro l'estate 2018"
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Vladimir Putin
RUSSIA

Putin, un fiume in piena

Elezioni, economia e politica estera i temi affrontati in oltre 3 ore di conferenza stampa
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori