MERCOLEDÌ 09 GENNAIO 2019, 16:21, IN TERRIS


MIGRANTI

Sea Watch, i 49 sono sbarcati a Malta

Ok di Malta all'accordo Ue: i migranti saranno trasferiti su una nave maltese e distribuiti in 8 Paesi, fra cui l'Italia

FRANCESCO VOLPI
La nave
La nave
U

n urlo liberatorio, un'esultanza spontanea hanno accompagnato l'attracco al molo maltese di Hay Wharf dei 49 migranti fino a oggi a bordo delle navi Sea Watch e Sea Eye che, per tutti loro, significa anche la fine definitiva di un incubo. La costa di Malta, rimasta per tanti giorni solo un miraggio, è stata finalmente toccata dagli scafi delle navi maltesi e da tutti coloro che, per lunghissimi ed estenuanti giorni, erano stati imbarcati sulle due navi ong, equipaggio e naufraghi, divenuti ormai compagni di navigazione. Ora, chi dal mare è stato salvato attenderà il ricollocamento in uno degli otto Paesi dell'Unione europea che hanno dato il loro assenso ad accoglierli. Il via libera agli sbarchi era stato dato dal premier maltese, Joseph Muscat, annunciandolo al contempo dell'accordo raggiunto con l'Europa per la ridistribuzione dei 49. Successivamente, il commissario europeo alla Migrazione, Dimitrios Avramopoulos, aveva annunciato l'inizio dello sbarco sul territorio maltese. Una tappa provvisoria, prima della partenza verso il rispettivo Stato disposto ad accogliere una parte di loro.


Il piano

Dopo lo sbarco, quindi, il programma resta quello stabilito: Malta trasferirà sulle proprie navi i migranti che saranno redistribuiti tra otto paesi Ue, tra cui l'Italia. "L'operazione per trasferire i migranti sulle navi delle nostre forze armate - aveva detto in mattinata Muscat - inizierà il prima possibile". Gli 8 paesi che contribuiranno al ricollocamento dei migranti a bordo della Sea Watch sono, secondo quanto riferito da Muscat, "Germania, Francia, Portogallo, Irlanda, Romania, Lussemburgo, Olanda e Italia". "In segno di buona volontà da parte di coloro che hanno riconosciuto le missioni di salvataggio effettuate da Malta nei giorni scorsi - ha aggiunto il premier dello Stato insulare -, altri 131 migranti già a Malta saranno trasferiti in altri Stati membri". "Accogliamo con favore questa dimostrazione di solidarietà - ha proseguito - a riconoscimento del fatto che Malta ha fatto molto di più di ciò che gli spettava". Alle barche "delle ong Seawatch 3 e Albrecht Penck - ha concluso - sarà chiesto di lasciare le nostre acque territoriali immediatamente dopo il trasferimento dei migranti".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Film La mia seconda volta
CINEMA

“La mia seconda volta”: un film... stupefacente

Una pellicola per sensibilizzare i giovani contro l’uso delle droghe: parla Federica Picchi, della casa di distribuzione
Imane Fadil
GIALLO IMANE FADIL

La Procura: "Cadmio e animonio nel sangue"

Il pm Francesco Greco: "Valori di cromo e molibdeno molto superiori alla norma". Ascolato il direttore...
MOZAMBICO

Ciclone Idai: le vittime potrebbero essere più di mille

Alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe
Lorenzo Orsetti
SIRIA

Annuncio di Daesh: "Ucciso un crociato italiano"

Si tratterebbe del fiorentino Lorenzo Orsetti, volontario fra le forze curde. Pubblicata una foto e un documento
Mohammed bin Salman
ARABIA SAUDITA

Bin Salman creò un team contro i dissidenti?

Il Nyt: "Squadra formata un anno prima dell'omicidio di Jamal Khashoggi"
INDONESIA

Le alluvioni devastano Papua: almeno 80 morti

Combinazione di acquazzoni, frane e anche scosse sismiche