LUNEDÌ 10 SETTEMBRE 2018, 09:50, IN TERRIS


SVEZIA

Sd non sfonda, trionfa l'incertezza

La destra di Akesson si ferma al 17,7%. Tengono i socialdemocratici. Rebus governo

FRANCESCO VOLPI
Akesson, leader di Sd
Akesson, leader di Sd
L'

'esito del voto in Svezia è il trionfo dell'incertezza. La destra di Sd cresce ma non sfonda (17,7%), i socialdemocratici restano il primo partito (28,3%) ma perdono consensi rispetto al 2014, mentre i moderati si attestano al 19,7%. E ora il prossimo governo diventa un rebus. 


In crescita

Netta, invece, l'affermazione dei piccoli partiti. In primis gli ex comunisti, Sinistra, che si sono aggiudicati l'8%. Bene anche il partito di centrodestra, Centro, e i cristiano democratici che hanno incrementato di un terzo le preferenze del 2014.


Rebus

Se si escludono accordi con la destra populista, il blocco di centrodestra e quello di centrosinistra si trovano in un testa a testa, entrambi attorno al 40%. La campagna elettorale che ha preceduto il voto per il rinnovo del Parlamento è stata tesa e difficile. Anche ieri, segnali di tensione sono arrivati da aggressioni, ai seggi, di militanti neonazisti contro giornalisti ed elettori.


Tensioni

La corsa alle urne si è incentrata essenzialmente su come frenare l'arrivo di nuovi stranieri, tema "forte" ovunque in Europa, e cavalcato abilmente dagli Svedesi Democratici. Solo nel 2015 erano stati accolti più di 160mila nuovi migranti, un'enormità per un Paese di 10 milioni di abitanti. Le limitazioni degli anni successivi non hanno evidentemente saputo arginare un sentimento diffuso di crescente esasperazione. Sfruttato politicamente dagli Svedesi Democratici, che hanno denunciato in maniera martellante - con toni spesso violenti - i problemi dell'integrazione, tra segregazione residenziale e gang criminali.


Un Paese in attesa

Il futuro governo dovrà in ogni caso metter mano alle riforme che il Paese si aspetta: dalla modernizzazione del sistema sanitario nazionale alle politiche sulla casa. Fino alle scottanti politiche migratorie. Un Paese reso inquieto proprio da quest'ultimo tema, nonostante una crescita economica stabile e un tasso di disoccupazione sotto al 6%.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TURCHIA

Terremoto magnitudo 5.5, nessuna vittima

Colpita la provincia di Denizli, danneggiate alcune case in legno
Nicola Zingaretti

Noblesse oblige

Appena eletto a Segretario nazionale del Partito Democratico, su Nicola Zingaretti immediatamente un settimanale...
La stretta di mano fra i due presidenti
USA

Trump riceve Bolsonaro, intesa a Washington

Primo faccia a faccia fra i due presidenti: commercio, Venezuela e Nato al centro dei colloqui
Lorenzo Orsetti
SIRIA

Recuperato il corpo di Lorenzo Orsetti

Lo conferma suo padre. Il combattente italiano in un video: "Rifarei questa scelta cento volte"
La nave
MIGRANTI

Salvini: "Non è salvataggio, ma traffico esseri umani"

Così il vicepremier a proposito della "Mare Ionio", ancora al largo delle coste libiche
L'ambasciatore Usa Grenell
LO SCONTRO

Berlino e Washington ai ferri corti

Huawei e spese militari, rapporti tesi. Chiesta l'espulsione dell'ambasciatore Usa