LUNEDÌ 10 SETTEMBRE 2018, 09:50, IN TERRIS


SVEZIA

Sd non sfonda, trionfa l'incertezza

La destra di Akesson si ferma al 17,7%. Tengono i socialdemocratici. Rebus governo

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Akesson, leader di Sd
Akesson, leader di Sd
L'

'esito del voto in Svezia è il trionfo dell'incertezza. La destra di Sd cresce ma non sfonda (17,7%), i socialdemocratici restano il primo partito (28,3%) ma perdono consensi rispetto al 2014, mentre i moderati si attestano al 19,7%. E ora il prossimo governo diventa un rebus. 


In crescita

Netta, invece, l'affermazione dei piccoli partiti. In primis gli ex comunisti, Sinistra, che si sono aggiudicati l'8%. Bene anche il partito di centrodestra, Centro, e i cristiano democratici che hanno incrementato di un terzo le preferenze del 2014.


Rebus

Se si escludono accordi con la destra populista, il blocco di centrodestra e quello di centrosinistra si trovano in un testa a testa, entrambi attorno al 40%. La campagna elettorale che ha preceduto il voto per il rinnovo del Parlamento è stata tesa e difficile. Anche ieri, segnali di tensione sono arrivati da aggressioni, ai seggi, di militanti neonazisti contro giornalisti ed elettori.


Tensioni

La corsa alle urne si è incentrata essenzialmente su come frenare l'arrivo di nuovi stranieri, tema "forte" ovunque in Europa, e cavalcato abilmente dagli Svedesi Democratici. Solo nel 2015 erano stati accolti più di 160mila nuovi migranti, un'enormità per un Paese di 10 milioni di abitanti. Le limitazioni degli anni successivi non hanno evidentemente saputo arginare un sentimento diffuso di crescente esasperazione. Sfruttato politicamente dagli Svedesi Democratici, che hanno denunciato in maniera martellante - con toni spesso violenti - i problemi dell'integrazione, tra segregazione residenziale e gang criminali.


Un Paese in attesa

Il futuro governo dovrà in ogni caso metter mano alle riforme che il Paese si aspetta: dalla modernizzazione del sistema sanitario nazionale alle politiche sulla casa. Fino alle scottanti politiche migratorie. Un Paese reso inquieto proprio da quest'ultimo tema, nonostante una crescita economica stabile e un tasso di disoccupazione sotto al 6%.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Nuvole su Matrte
SPAZIO

Le nuvole di Marte? Ecco di cosa sono fatte

La ricerca degli scienziati dell'Università del Colorado
Giulio Tremonti
FACEBOOK

Tremonti: "Con Libra cambiano le regole del gioco"

"Per evitare spiazzamento sistema bancario, mettere l'Iva sulla valuta virtuale"
Alcuni archeologi a lavoro su uno scavo.
ARCHEOLOGIA

La Germania ci restituisce una testa romana

"Piena adesione dei due paesi alla tutela del patrimonio culturale comune"
Cassonetti pieni
SALUTE

Codacons: Roma invasa dai rifiuti, pericolo epidemia

Coordinamento per i diritti dei consumatori presenterà esposto. Raggi: "Allarme ingiustificato"
La palazzina crollata

Esplode palazzina a Gorizia: 2 morti, si cerca 1 disperso

Probabile fuga di gas in viale XX settembre al civico 87
Ricerca di case vacanza su internet
TRUFFE SUL WEB

Gli 8 consigli della Polizia Postale per prenotare online la casa vacanza

E' in crescita continua la tendenza a usare internet, ma la truffa è dientro l'angolo
Magliette

Libera maglietta in libero Stato

E'scoppiata in queste ore la polemica sulla maglietta Lacoste indossata da Carlo Calenda, l’ex ministro...
Una veduta di Mirabilandia
RAVENNA

Tragedia a Mirabilandia: muore un bimbo di 4 anni

Il piccolo è probabilmente annegato in una piscina, inutili i soccorsi. Indagano i Carabinieri