GIOVEDÌ 14 GIUGNO 2018, 001:13, IN TERRIS

ONU

Scontri a Gaza, l'Assemblea condanna Israele

Risoluzione approvata con 120 voti favorevoli, Haley: "Le Nazioni unite sbagliano"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'Assemblea generale delle Nazioni unite
L'Assemblea generale delle Nazioni unite
"U

so eccessivo della forza": così l'Assemblea generale dell'Onu ha definito l'azione di Israele sulla popolazione civile palestinese, per la quale è stata tra l'altro chiesta protezione, in riferimento ai fatti avvenuti lungo la Striscia di Gaza, durante le proteste contro lo Stato israeliano. La risoluzione è stata approvata a maggioranza, con 120 voti favorevoli e appena 8 contrari, con 45 astensioni. Fra i Paesi a votare, oltre allo stesso Israele, anche gli Stati Uniti, rappresentati in aula dall'ambasciatrice Nikki Haley, particolarmente critica nei confronti dell'Assemblea che, peraltro, ha anche bocciato l'appello contro la risoluzione, messo ai voti ma non approvato dai Paesi partecipanti. Bocciato anche l'emendamento Usa che condannava Hamas per aver sparato dei missili all'indirizzo di Israele, arenatosi perché privo della maggioranza dei due terzi.


Haley: "Onu fallito moralmente"

L'Onu condanna dunque Israele e il suo eccessivo uso della forza durante le giornate della Marcia del ritorno e anche nel corso dell'ultima protesta, andata in scena venerdì scorso e costata la vita ad altri 4 palestinesi, uccisi mentre manifestavano lungo il confine contro l'isolamento dell'enclave. Da Washington è arrivato un nuovo emendamento alla risoluzione delle Nazioni Unite ma, al momento, resta una nuova decisione che torna a scontentare la rappresentanza a stelle e strisce: "Di fronte ai terroristi di Hamas che incitano abitualmente alla violenza - ha spiegato Nikki Haley - e lanciano oltre cento di missili nelle comunità israeliane, oggi l'Onu è fallita moralmente affermando che la recente violenza a Gaza è tutta colpa di Israele". Secondo l'ambasciatrice, "non c'è da meravigliarsi se nessuno prende sul serio le Nazioni Unite come forza per la pace in Medio Oriente".


Discussioni

Ma non solo. Haley ha citato anche i "62 paesi che hanno votato a favore dello sforzo guidato dagli Usa per affrontare la responsabilità di Hamas". E, in relazione all'emendamento proposto contro Hamas, l'ambasciatrice ha specificato che "con i loro voti quei Paesi hanno riconosciuto che la pace sarà raggiunta solo quando la realtà sarà riconosciuta, compresi i legittimi interessi di sicurezza di Israele, e la necessità di porre fine al terrorismo di Hamas". Va detto che, pur importanti, le risoluzioni dell'Assemblea Generale non sono vincolanti come quelle del Consiglio di Sicurezza. Resta il fatto che, in modo abbastanza uniforme, l'Onu abbia riteuto di condannare l'operato dell'esercito israeliano per quanto accaduto sul confine, aprendo di fatto un'ennesima spaccatura sul fronte americano.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
MILANO

Scontro bus-camion rifiuti: una donna in coma

Indaga la polizia locale, forse il mancato rispetto della precendeza all'origine dello schianto
La bandiera italiana sventola sul Palazzo del Quirinale, 30 maggio 2018 - Foto © Tony Gentile per Reuters

Italia senza previsioni

Il rapporto del CENSIS, la Fondazione presieduta dal sociologo cattolico Giuseppe De Rita, ha messo, come di consueto,...
Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri
GOVERNO

Manovra, accordo su plastic e sugar tax

Una rinviata a luglio e ridotta dell'85%, l'altra a ottobre. Il premier: "Recessione scongiurata, non siamo il...

Adulti rottamati

Si tende a guardare il mondo dei giovani da parte degli adulti come se questi non fossero mai stati giovani. Se...
Il Papa riceve Joseph e Michelle Muscat in udienza privata nel giugno 2013 - Foto © Clifton Fenech per DOI
SANTA SEDE

Il Papa domani riceve Muscat

La visita del premier maltese sarà in forma strettamente privata.
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Cristiani filippini in preghiera
FILIPPINE

Anno pastorale: "Ecumenismo, dialogo interreligioso e popoli indigeni"

Vescovi: "La Chiesa esorta i fedeli a collaborare con persone di altre religioni e culture per la pace"
Alluvioni e fiumi in piena in Burundi
METEO

Il maltempo mette in ginocchio il Burundi: già 28 morti

Nove Paesi dell'Africa orientale stanno subendo gli effetti delle piogge con frane e alluvioni
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica