MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2015, 10:07, IN TERRIS

SCANDALO PETROBRAS IN BRASILE: INDAGATO UN EX MINISTRO DEL PRESIDENTE LULA

Josè Dirceu, capo di gabinetto dal 2003 al 2005 nel primo governo di Luiz Inacio da Silva, è imputato per corruzione, riciclaggio e associazione a delinquere

MILENA CASTIGLI
SCANDALO PETROBRAS IN BRASILE: INDAGATO UN EX MINISTRO DEL PRESIDENTE LULA
SCANDALO PETROBRAS IN BRASILE: INDAGATO UN EX MINISTRO DEL PRESIDENTE LULA
Si aggrava ulteriormente la situazione giudiziaria di Josè Dirceu, capo di gabinetto dal 2003 al 2005 nel primo governo di Luiz Inacio 'Lula' da Silva (al potere dal 2003 al 2010). Da indagato, Dirceu è diventato imputato per corruzione, riciclaggio e associazione a delinquere nell'ambito della “Lava Jato”, l'inchiesta sullo scandalo di tangenti dentro la statale brasiliana del petrolio, la Petrobrás, che ha già portato in carcere numerose personalità del mondo della politica e dell’imprenditoria. Lo stesso calo di consensi che da mesi grava sul presidente carioca, Dilma Rousseff, è da ricollegarsi alla vicenda della compagnia petrolifera della quale la donna era nel consiglio di amministrazione alla fine degli anni Novanta.

Petrobrás è la principale azienda petrolifera pubblica del Brasile e una delle più grandi società al mondo del settore. Poco più di un anno fa i giudici hanno scoperto un vasto sistema di corruzione. Nell’inchiesta – aperta nel marzo del 2014 – sono coinvolte più di 50 persone: vari ex alti dirigenti (alcuni dei quali già condannati) e altre aziende brasiliane per la costruzione e i lavori pubblici (BTP) oltre a diversi politici che appartengono soprattutto al Partito dei Lavoratori, quello della presidente Rousseff. Gli ex dirigenti di Petrobrás sono accusati di aver gonfiato dall’1 al 3 per cento del loro valore contratti da centinaia di milioni di euro con alcune società di costruzioni per realizzare infrastrutture petrolifere al largo delle coste brasiliane. In cambio del loro consenso, i partiti che fanno parte della coalizione di governo - e in particolare il Partito dei lavoratori che governa il paese dal 2003 - avrebbero ricevuto tangenti e finanziamenti illeciti per milioni di dollari.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Brexit (repertorio)
BREXIT

Ok del Consiglio alla "fase due"

May: "Passo importante". I leader Ue: "Ora inizia il difficile"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana