VENERDÌ 15 FEBBRAIO 2019, 15:53, IN TERRIS


SPAGNA

Sanchez saluta: elezioni il 28 aprile

Voto anticipato dopo lo stop alla legge di bilancio

LUANA POLLINI
Pedro Sanchez
Pedro Sanchez
S

i chiude dopo soli 8 mesi l'esperienza del governo guidato da Pedro Sanchez. Incassata la bocciatura in Parlamento della legge di bilancio il premier socialista ha, infatti, convocato le elezioni anticipate per il prossimo 28 aprile. 


Lo stop 

Lo stop alla finanziaria è solo l'ultima di una serie di battute d'arresto dell'economista 46enne che a giorni pubblicherà il suo "Manuale di resistenza", dove racconta gli anni delle montagne russe che lo hanno visto portare i socialisti a due schiaccianti sconfitte elettorali nel 2015 e 2016, e costretto ad abbandonare la leadership del partito per essere poi rieletto, grazie a un tour del Paese, nel maggio del 2017. Da lì in poi l'ascesa verso la premiership, concretizzatasi il primo giugno 2018, quando il Parlamento approva la sua mozione di sfiducia nei confronti dell'allora premier, Mariano Rajoy, nonostante i socialisti avessero solo 84 deputati su 350. Decisiva risulta l'opera di convincimento nei confronti di Podemos, separatisti catalani e i nazionalisti baschi. 


Mr. Handsome

Sanchez, giocatore di pallacanestro, "vede la politica come una partita di basket", scrive Enric Juliana, vice direttore del quotidiano spagnolo La Vanguardia. "Può passare dall'attacco alla difesa in pochi secondi". Perennemente a suo agio con il sorriso smagliante, anche nell'annunciare la sconfitte, al punto da conquistarsi il soprannome "Mr. Handsome".


Azione di governo

Al governo mette piede il 2 giugno 2018, portandosi dietro un esecutivo con una maggioranza di donne. L'Ue lo applaude per aver aperto i porti alla nave Aquarius con 630 migranti a bordo respinta da Malta e dall'Italia. Dopo anni di austerity alza per legge il salario minimo del 22 per cento. La sua maggioranza, costruita da un amalgama di partiti anti-Rajoy, deve però fare i conti con la crisi catalana, spina nel fianco di ogni governo di Madrid. La sua determinazione a riprendere i colloqui con i separatisti scatena le ire delle destre che domenica scorsa hanno portato in piazza a Madrid decine di migliaia di persone chiedendo le sue dimissioni. 
Anche se i sondaggi danno il partito dei socialisti tra i preferiti, Sanchez non ha i numeri sufficienti per avere la maggioranza, nemmeno alleandosi con Podemos. Al contrario, per i sondaggisti il Pp, il centrodestra di Ciudadanos e l'estrema destra di Vox sarebbero in grado di formare una maggioranza. E domenica in piazza lo hanno dimostrato.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...