LUNEDÌ 25 MAGGIO 2015, 001:00, IN TERRIS

RIVOLUZIONE SPAGNA, VINCE PODEMOS, RAJOY IN CRISI

Netta affermazione a Barcellona, popolari in bilico a Madrid. Il premier paga 4 anni di tagli alla spesa pubblica

DANIELE VICE
RIVOLUZIONE SPAGNA, VINCE PODEMOS, RAJOY IN CRISI
RIVOLUZIONE SPAGNA, VINCE PODEMOS, RAJOY IN CRISI
I risultati delle amministrative segnano una rivoluzione politica in Spagna. Netta l'affermazione di Podemos che trionfa a Barcellona e tiene a Madrid. In crisi il Pp del premier Mariano Rajoy punito dagli elettori dopo 4 anni di pesanti tagli alla spesa pubblica. L'esito del voto è un test in vista delle elezioni generali di novembre ed evidenzia la frammentazione dovuta alla sempre maggior forza dei movimenti emergent. Gli spagnoli hanno respinto la stabilità che l'alternanza tra Pp e Socialisti costituisce da quarant'anni, optando per il cambiamento. I popolari restano comunque il primo partito, con il maggior numero di voti. Popolari e Socialisti dovranno negoziare con i partiti minori, in 13 delle 17 regioni andate al voto ieri con più di 8mila municipalità.

Il Pp ha avuto il peggior dato elettorale alle municipali dal 1991, perdendo la maggioranza assoluta in bastioni come Madrid e Valencia. Le potenziali coalizioni di centrosinistra potrebbero mandare il partito all'opposizione per la prima volta in vent'anni. A Madrid, dove il sindaco viene dalle file dei popolari dal 1991, il partito ha battuto di misura la piattaforma di sinistra sostenuta da Podemos e guidata dal 71enne Manuela Carmena. Ma la piattaforma si alleerà probabilmente con i socialisti, per andare al potere.

A Barcellona, un'altra coalizione di sinistra guidata dalla ex attivista Ada Colau e appoggiata da Podemos ha sconfitto i partiti pro-indipendenza Convergencia i Unio (CiU) e Esquerra Republicana de Catalunya (ERC). "Qui ha vinto la gente, non un mucchio di iniziali", ha dichiarato Colau parlando ai sostenitori e facendo riferimento alle sigle dei partiti politici tradizionali. Il leader di Podemos, Pablo Iglesias, dopo il voto è stato uno dei primi politici a parlare ai media. Accompagnato dal sua numero due, Inigo Errejon, ha affermato, secondo quanto riporta il sito 20minutos: "Le grandi città sono il motore del cambiamento politico" ed "è iniziata in Spagna la fine del bipartitismo". Ha concluso: "Questa situazione, questa primavera di cambiamento, è irreversibile. A novembre ci assumiamo la sfida di vincere le elezioni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti