GIOVEDÌ 27 DICEMBRE 2018, 18:37, IN TERRIS


ARABIA SAUDITA

Rimpasto di governo sull'onda del delitto Khashoggi

Cambio ai vertici di Esteri, Comunicazione, Educazione e Guardia Nazionale

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Re Salman
Re Salman
C

ambio al vertice del ministero degli Esteri saudita. Questo l'esito del mini-rimpasto di governo varato da re Salman sull'onda della crisi scatenata dall'omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi. 


Conferme

Restano al loro posto il ministro dell'Interno e quelli dell'Energia e delle Finanze, nonostante i problemi economici per il crollo del prezzo del greggio, mentre il principe ereditario Mohammed bin Salman, lanbito dal giallo Khashoggi, mantiene la strategica poltrona alla Difesa. La diplomazia saudita è stata affidata a Ibrahim al-Assaf, titolare delle Finanze fino al 2016, che rimpiazza Adel al-Jubeir, retrocesso a sottosegretario agli Esteri.


Nuovo ministro

Al-Assaf, 69 anni, era stato fra le decine di arrestati nella massiccia operazione contro la corruzione voluta dal principe ereditario nel novembre del 2017, quando erano finiti in manette principi, politici e uomini d'affari. Gli accusati furono tenuti agli arresti per settimane in un hotel di Riad fino a quando non arrivarono ad un'intesa con il governo, in molti casi di tipo economico. Chiuso il caso, Al-Assaf era stato nominato ministro di Stato, cioè membro del Consiglio dei ministri saudita, che è guidato dal re. E a gennaio di quest'anno aveva guidato la delegazione saudita al Forum di Davos, sulle Alpi svizzere. Al-Jubeir è stato uno dei principali esponenti del regno negli anni passati e ha avuto un ruolo di primo piano tanto nella guerra in Yemen che nel caso Khashoggi. 


Gli altri dicasteri

Nell'ambito del rimpasto, Turki al-Shabbana è stato nominato ministro della Comunicazione, Hamad Al-Sheikh ministro dell'Educazione, il principe Abdullah bin Bandar ministro della Guardia nazionale e sostituito da Faisal bin Nawaf come governatore della regione di Jouf. Tra le altre nomine, Abdulaziz bin Turki al-Faisal sarà presidente dell'Autorità per lo Sport mentre il predecessore Turki Al-Sheikh sarà a capo dell'Autorità per l'intrattenimento. Khashoggi è stato assassinato il 2 ottobre all'interno del consolato saudita a Istanbul da un commando saudita, come hanno ammesso le autorità di Riad che tuttavia negano un coinvolgimento dei vertici del regno, a cominciare da bin Salman. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"