VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 10:29, IN TERRIS


BIRMANIA

Restano in carcere 2 reporter che indagavano sui Rohingya

Respinto l'appello. Portavano avanti l'inchiesta della Reuters sulla persecuzione della minoranza

DANIELE VICE
I due reporter
I due reporter
R

estano in carcere due giornalisti della Reuters che stavano indagando sulle atrocità commesse nei confronti dei Rohingya e condannati a 7 anni per possesso illegale di documenti riservata. I due avevano presentato appello, sperando in una scarcerazione anticipata, che un giudice dell'Alta corte regionale di Yangon ha rigettato. 


La decisione

Wa Lone, 32 anni, e Kyaw Soe Oo, 28 - questi i nomi dei giornalisti - sono stati arrestati a Yangon nel dicembre 2017. I pm hanno accusato i due di detenere informazioni riservate, coperte da segreto di Stato, riguardanti le operazioni di sicurezza nello Stato di Rakhine, da dove centinaia di migliaia di musulmani Rohingya sono fuggiti a seguito della repressione condotta dall'esercito birmano. Una vera e propria "pulizia etnica" secondo le Nazioni Unite. Secondo il giudice Aung Naing la sentenza di primo grado "è giusta, secondo la legge". Una "decisione ragionevole" che ha portato la corte a "respingere l'appello". 


Incastrati?

Gli avvocati dei due sono, in ogni caso, decisi ad andare fino in fondo. Il prossimo passo è il ricorso alla Corte suprema del Myanmar davanti alla quale il processo potrebbe durare anche sei mesi. La sentenza è stata accolta dalle urla delle mogli dei giornalisti, detenuti da 13 mesi nella famigerata prigione Insein. I reporter, assenti in aula, sostengono di essere stati vittima di una macchinazione della polizia, portando la testimonianza di un ufficiale che affermava di aver ricevuto da un superiore l'ordine di incastrarli


Simbolo di libertà

Il processo di primo grado è da molti considerato una farsa, messa in piedi per fermare l'inchiesta della Reuters. Fra i critici anche il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence. Fuori dal Myanmar i due cronisti sono considerati un simbolo della libertà di informazione, tanto da meritarsi la copertina del Time come Persona dell'anno nel 2018, assieme ad altri giornalisti perseguitati e uccisi. 

 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo