VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 10:29, IN TERRIS


BIRMANIA

Restano in carcere 2 reporter che indagavano sui Rohingya

Respinto l'appello. Portavano avanti l'inchiesta della Reuters sulla persecuzione della minoranza

DANIELE VICE
I due reporter
I due reporter
R

estano in carcere due giornalisti della Reuters che stavano indagando sulle atrocità commesse nei confronti dei Rohingya e condannati a 7 anni per possesso illegale di documenti riservata. I due avevano presentato appello, sperando in una scarcerazione anticipata, che un giudice dell'Alta corte regionale di Yangon ha rigettato. 


La decisione

Wa Lone, 32 anni, e Kyaw Soe Oo, 28 - questi i nomi dei giornalisti - sono stati arrestati a Yangon nel dicembre 2017. I pm hanno accusato i due di detenere informazioni riservate, coperte da segreto di Stato, riguardanti le operazioni di sicurezza nello Stato di Rakhine, da dove centinaia di migliaia di musulmani Rohingya sono fuggiti a seguito della repressione condotta dall'esercito birmano. Una vera e propria "pulizia etnica" secondo le Nazioni Unite. Secondo il giudice Aung Naing la sentenza di primo grado "è giusta, secondo la legge". Una "decisione ragionevole" che ha portato la corte a "respingere l'appello". 


Incastrati?

Gli avvocati dei due sono, in ogni caso, decisi ad andare fino in fondo. Il prossimo passo è il ricorso alla Corte suprema del Myanmar davanti alla quale il processo potrebbe durare anche sei mesi. La sentenza è stata accolta dalle urla delle mogli dei giornalisti, detenuti da 13 mesi nella famigerata prigione Insein. I reporter, assenti in aula, sostengono di essere stati vittima di una macchinazione della polizia, portando la testimonianza di un ufficiale che affermava di aver ricevuto da un superiore l'ordine di incastrarli


Simbolo di libertà

Il processo di primo grado è da molti considerato una farsa, messa in piedi per fermare l'inchiesta della Reuters. Fra i critici anche il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence. Fuori dal Myanmar i due cronisti sono considerati un simbolo della libertà di informazione, tanto da meritarsi la copertina del Time come Persona dell'anno nel 2018, assieme ad altri giornalisti perseguitati e uccisi. 

 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BOLOGNA

Smantellato cartello di agenzie funebri, 30 arresti

I militari stanno procedendo anche ad un sequestro preventivo di beni per circa 13 milioni di euro
L'esplosione
FRANCIA

Esplosione in un'università di Lione

La deflagrazione avrebbe coinvolto la biblioteca scientifica dell'ateneo
Intervento del card. Bassetti in Sala Zuccari del Senato
SENATO

Andreotti: "Ho combattuto la mafia con atti pubblici"

Presentato ieri il libro "I miei santi in paradiso". Card. Bassetti: "Si battè per collocare l'Italia...
Caporalato
LAVORO SFRUTTATO

Caporalato: nuovi arresti

A Latina stranieri impiegati in "condizioni disumane". Ieri operazione in Basilicata
Il germoglio di cotone coltivato sulla Luna dai cinesi

Il cotone sulla Luna

Nata una piantina di cotone sulla Luna, in una serra appositamente allestita da cinesi, in conseguenza di un programma...
Mark Zuckerberg
LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate