MARTEDÌ 29 SETTEMBRE 2015, 19:30, IN TERRIS

REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA, ARTUR MAS INDAGATO PER "DISOBBEDIENZA"

Per questo reato è prevista, secondo quanto riferito dalla tv pubblica spagnola Tve, una inabilitazione da tre mesi a due anni

AUTORE OSPITE
REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA, ARTUR MAS INDAGATO PER
REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA, ARTUR MAS INDAGATO PER "DISOBBEDIENZA"
Il presidente della Catalogna, Artur Mas, dovrà presentarsi in Tribunale il prossimo 15 ottobre. Il secessionista è infatti indagato per "disobbedienza" in quanto lo scorso 2014 ha convocato un referendum sull'indipendenza della regione catalana, nonostante la Corte Costituzionale della Spagna lo avesse dichiarato illegale. A soli due giorni dalle elezioni catalane, vinte dalle liste indipendentiste che hanno conquistato una maggioranza assoluta ai seggi, Mas è stato convocato dal Tribunale superiore di giustizia.

Nel 2014, dopo la sentenza della Corte Costituzionale spagnola - che aveva vietato un referendum vincolante sull'indipendenza catalana - Mas aveva mantenuto la convocazione al voto ma con il solo valore consultivo. Il 9 novembre dello scorso anno, 2,5 milioni di elettori catalani (su un totale di 5,5 milioni) si erano recati alle urne e avevano espresso un risultato ampiamente favorevole all'indipendenza.

Secondo il governo catalano, la decisione di indagare Mas per "disobbedienza" è da considerare come "un'anomalia democratica", mentre il capogruppo parlamentare di Convergencia, Pere Macias, lo ha definito una "persecuzione politico". "Cercare di disarcionare chi ha vinto alle urne con questi metodi non dà l'immagine di una democrazia di qualità", ha dichiarato ancora Macias. Con Mas, sono stati convocati come imputati anche l'ex vicepresidente della Generalitat Joana Ortega e la consigliera Ines Rigau. Anche loro sono accusati di "disobbedienza", reato per il quale è prevista, secondo quanto riferito dalla tv pubblica spagnola Tve, una inabilitazione da tre mesi a due anni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"