MERCOLEDÌ 12 APRILE 2017, 15:30, IN TERRIS

Referendum in Turchia, sondaggi: Sì al presidenzialismo in leggero vantaggio

La riforma voluta da Erdogan sarà votata domenica 16 aprile. Affluenza da record (oltre il 45%) tra gli emigrati

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Referendum in Turchia, sondaggi: Sì al presidenzialismo in leggero vantaggio
Referendum in Turchia, sondaggi: Sì al presidenzialismo in leggero vantaggio
Sì in leggero vantaggio in vista del referendum costituzionale sul presidenzialismo che si svolgerà la domenica di Pasqua in Turchia. Lo sostengono gli ultimi due sondaggi resi noti in queste ore. Secondo l'istituto demoscopico Anar, la riforma voluta dal presidente Recep Tayyip Erdogan verrebbe approvata con il 52% dei voti. Una percentuale che potrebbe anche aumentare leggermente considerando anche i voti dei turchi all'estero, non stimati nel sondaggio.

Le urne per gli emigrati si sono chiuse domenica - salvo quelle ai valichi di frontiera - con un'affluenza record di oltre il 45%, che secondo gli analisti potrebbe premiare Erdogan dopo la campagna caratterizzata dallo scontro frontale con i Paesi Ue. In calo, secondo Anar, sarebbero anche gli indecisi, scesi all'8%. Anche l'istituto Konsensus stima il "Sì" leggermente in vantaggio con il 51,2%, rovesciando una sua precedente rilevazione di fine marzo, in cui con la stessa percentuale risultava in testa il "No". Per gli analisti, sarà decisivo l'orientamento finale assunto dagli indecisi, tra cui ci sarebbero una parte dell'elettorato nazionalista e i curdi più conservatori.

Sull'esito del voto di domenica potrebbe pesare l'emergenza terrorismo con cui la Turchia convive da più di un anno. L'ultimo attacco ha preso di mira una stazione di polizia di Diyarbakir, "capitale" curda nel sud-est del Paese. Secondo il ministro degli Interni,  Suleyman Soylu, che ne ha parlato alla tv Haberturk, non si sarebbero dubbi sulla natura terroristica dell'attentato. La deflagrazione, avvenuta in un'officina in cui erano in corso lavori di riparazione di un mezzo blindato, è stata provocata da materiale esplosivo collocato in precedenza sul posto attraverso un tunnel sotterraneo scavato dall'esterno. Il bilancio finale, ha aggiunto il ministro, è di 3 vittime e 12 feriti. Secondo l'agenzia Dogan, almeno 5 sospetti sono stati fermati in relazione all'attacco. La zona di Diyarbakir è stata spesso caratterizzata da scontri fra forze di sicurezza e miliziani estremisti del Pkk curdo, che Ankara considera un'organizzazione terroristica.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una ragazza nigeriana costretta a prostituirsi
INCUBO TRATTA

Scoperto giro di prostituzione a Teramo

Le ragazze nigeriane erano costrette a prostituirsi per estinguere il debito di viaggio
Il magistrato Francesco Saverio Borrelli
LUTTO NELLA GIUSTIZIA

Morto Francesco Saverio Borrelli, magistrato di Mani Pulite

Il giudice è stato il volto di importanti inchieste italiane. Bobo Craxi: "Guidò un colpo di Stato"
Una sommità dell'Etna in eruzione
SICILIA

Etna in eruzione, riapre lo scalo di Catania

Dopo la colata della notte, attesi ritardi e disagi
Un agente dell'Arma dei Carabinieri pattuglia piazza San Pietro
ALLERTA ATTENTATO

Roma, rientrato l'allarme terrorismo

Continua l'indagine sul siriano sospettato di preparare un attacco nella Capitale
L'interno della parrocchia di San Giuseppe
CONCERTISTICA

La stagione musicale della parrocchia di Santa Marinella

Interessanti e numerosi gli appuntamenti organizzati nei fine settimana estivi

Oasi d'amore

Ieri sera sono andato a trovare mia zia di 98 anni in una casa-albergo nel mio paese di origine; l’ho...