LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019, 15:37, IN TERRIS


MEDIO ORIENTE

Ramallah diserta la Conferenza di Varsavia

Nessun esponente palestinese al summit organizzato dagli Stati Uniti

LUANA POLLINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Abu Mazen
Abu Mazen
I

l governo palestinese diserterà la conferenza di Varsavia sul Medio Oriente organizzata dagli Stati UnitiAbu Mazen ha detto che non andrà perché ritiene che gli Usa non abbiano un ruolo credibile come mediatore dal momento che hanno riconoscimento Gerusalemme come capitale di Israele. All'appuntamento ci sarà invece  Benjamin Netanyahu.


Rifiuto

I funzionari americani si sono affrettati a dire che "non sarà un negoziato ma una discussione" nella quale però, pur non presentandone i dettagli, si potrà conoscere qualcosa del piano per il Medio Oriente promesso dal presidente americano Donald Trump. Ma il governo di Ramallah non ne vuole sapere di partecipare. Per il segretario generale dell'Olp e capo negoziatore, Saeb Erekat, la conferenza "è un tentativo di eludere l'iniziativa di pace araba e distruggere il progetto nazionale palestinese". "La nostra posizione rimane chiara: non parteciperemo a questa conferenza e ribadiamo che non abbiamo incaricato nessuno di parlare a nome della Palestina", ha aggiunto su Twitter.


Partecipanti

Alla conferenza, in cui l'altro tema-clou sarà l'Iran, parteciperanno i rappresentanti di oltre 40 Paesi, tra i quali, oltre a Netanyahu, il segretario di stato Usa, Mike Pompeo, il genero del presidente Trump e consigliere per l'area, Jared Kushner e diversi Paesi arabi. Non solo i palestinesi non parteciperanno, ma nelle ultime due settimane diversi funzionari dell'Autorità Palestinese hanno chiesto ai Paesi arabi di boicottare la conferenza e di rimanere fedeli all'iniziativa di pace araba del 2002, che richiede di normalizzare i legami tra Israele e i Paesi arabi solo dopo un completo ritiro israeliano dai confini precedenti al 1967.


La posizione di Ramallah

Il portavoce di Fatah, Osama Qawassmeh ha avvertito sabato, che ogni leader arabo che incontra il primo ministro Netanyahu alla conferenza di Varsavia "pugnalerà Gerusalemme e il nostro popolo palestinese". I palestinesi, ha aggiunto, si oppongono a qualsiasi forma di normalizzazione "con l'entità di occupazione israeliana perché sarebbe un regalo a Tel Aviv" e ha aggiunto che, a loro giudizio, la conferenza intende solo eliminare la questione palestinese

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Sergio Mattarella
ELEZIONI EUROPEE

Mattarella: "Sovranismo? Non minaccerà l'Ue"

Il Capo dello Stato a "Revue de Politique Internationale": "Sull'immigrazione servono soluzioni europee"
Corydalis densiflora subsp. apennina
MARCHE - UMBRIA

Scoperta una nuova pianta sugli Appennini

L'Italia è il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea
Sfruttamento della prostituzione
TORINO

Sfruttamento della prostituzione: 11 arresti

I fermati sono 8 donne e 3 uomini tutti di nazionalità nigeriana
Armando Siri
CAOS GOVERNO

Siri si difende: "Usato come carne da macello"

Il sottosegretario: "Tangente? Ma siamo matti? Mai preso un soldo"
La chiesa dell'Abbazia di Praglia
PADOVA

L'acqua e i benedettini, tra storia e discernimento

Nell'Abbazia di Praglia, i cicli di seminari di "Armonie composte - Gestione, cura e costruzione del suolo"