GIOVEDÌ 23 MARZO 2017, 18:30, IN TERRIS

Raid a Mosul ovest, una tv curda: "Almeno 200 civili sono rimasti uccisi"

L'emittente non precisa se a compiere i bombardamenti sia stata l'aviazione irachena o la coalizione a guida Usa

REDAZIONE
Raid a Mosul ovest, una tv curda:
Raid a Mosul ovest, una tv curda: "Almeno 200 civili sono rimasti uccisi"
Almeno 200 persone, la maggior parte civili, sono rimaste uccise nei raid compiuti a ovest di Mosul. Lo ha riferito l'emittente curdo irachena Rudaw.

La televisione non precisa se i bombardamenti siano stati compiuti dall'aviazione irachena o da jet della Coalizione internazionale a guida Usa, che appoggia l'offensiva lealista con pesanti raid. La settimana scorsa l'ong Osservatorio iracheno per i diritti umani aveva parlato di almeno 299 civili già uccisi dai raid della Coalizione a guida americana a Mosul ovest da febbraio, quando ha avuto inizio l'offensiva governativa per strapparla allo Stato islamico. L'inviato di Rudaw a Mosul, Hevidar Ahmed, ha detto che i raid di oggi hanno colpito il quartiere di Al Jadida e fino a 230 persone potrebbero essere state uccise. Di queste, 130 si trovavano in un solo edificio e 100 in un altro.

Sul piano politico va registrata la disponibilità offerta dall'Unione Europea - per voce dell'alto rappresentante Ue per la politica estera e la sicurezza, Federica Mogherini - ad aumentare il suo sostegno per la stabilizzazione di Siria e Ira.

"Come Unione Europea - ha spiegato Mogherini - siamo determinati a mantenere e, se necessario, ad aumentare il nostro sostegno alla stabilizzazione del'Iraq, dove già siamo impegnati in diversi progetti, a partire dal lavoro di sminamento delle aree liberate dai terroristi, lavoro che guidiamo e coordiniamo per l'intera Coalizione Globale anti Isis. E in Siria, dove l'Unione Europea è già il primo donatore umanitario per garantire ai siriani un presente dignitoso e un futuro libero e democratico". L'Isis, ha aggiunto, "non sarà sconfitto in Siria se il Paese non si avvierà verso una transizione politica. Proprio in queste settimane stiamo preparando la conferenza sul futuro della Siria che si terrà a Bruxelles il 5 aprile: per fare un punto sugli aiuti umanitari, un anno dopo la conferenza di Londra; per sostenere il processo politico guidato dalle Nazioni Unite e per prepararci a sostenere insieme la riconciliazione, e la ricostruzione che potrà iniziare appena la transizione sarà avviata su un binario solido".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"